Storie Web sabato, Giugno 22
Notiziario

Idee Chiare è la nuova collaborazione tra Geolier e Lazza, contenuta nel terzo album ufficiale del rapper napoletano Dio Lo Sa. Qui il testo e il significato della canzone.

Geolier e Lazza, foto di Jacopo Rossini

Dopo settimane d’attesa, Dio Lo Sa, il terzo album di Geolier è stato pubblicato. L’autore napoletano ha deciso di includere, anche in questo viaggio, un suo compagno storico: Lazza. E se nel 2023 i due avevano confezionato Chiagne, uno dei momenti topici dell’album più venduto in Italia lo scorso anno, Il coraggio dei bambini, anche questa volta non hanno deluso le aspettative. Stiamo parlando di Idee Chiare, la seconda traccia nella tracklist del progetto da 21 brani. Il singolo è stato prodotto da Dat Boi Dee, aka Davide Notaro e Finesse: sono due tra i nomi principali nella scena rap nazionale e non solo. Come descritto nel comunicato stampa, Idee Chiare è nata proprio durante la session tra Geolier e Lazza a Londra, la stessa in cui era stata registrata Chiagne. Qui il testo e il significato di Idee Chiare.

Il testo di Idee Chiare

Tu sapive
Tu sapive che nun ero chello buono (Yeah)
Yeah, yeah

Tu sapive che nun ero nient e buon’
ma vuliv vrè cu l’uocchie tuoj
Nuj ce crerimmo sulamente si o’ verimme
e ce facimm’ ruoss’ sulamente si carimm’

Testo e significato di Storie brevi, Annalisa e Tananai raccontano un amore leggero ma totalizzante

Immagina una vita senza alt e bass
tu t’annoiass’, ij pur’
pecché na cos’ quand’è brutt’ rest
ma sij è bell’ nun dur
Malinconij ca’ ment’ pens a primm’ e sorrid
pur’ sij stev pegg’
Simm stat poc’ e dat’ assai
cumm’ se fà e vot’ mijez e guai
Simm doj cullan d’or’ bianc
Simm doj disastr’
A vit’ infondo è guerra e ij l’affront cu te p’ poc’
ma giur m’avess accijs’ p’ sta sulo cu’ tte n’atu poc’
sì chiov’ in ogni modo

Baby, ti aspetto giù
Finché avrai le idee chiare
Solo senza le chiavi sotto il temporale, ma
Nun me saccio fidà ‘e vote
E alla fine faccio bbuono
Quindi penso sempe ‘a male ‘e l’atre accussì nun me sbaglio

Da tempo ho smesso di chiedermi il perché certe cose accadono
Fammi una foto sull’orlo del baratro
Per esser libero, ti uccido, Spartaco
È una bugia che qua gli eroi non cadono
Non sai quanti falsi ho visto lungo la mia via
Manca solo un muto dire a un sordo chе c’è un cieco che li spia
Baby, so che pеnserai che è una follia
Dici: “Lo conosco bene”, invece non so chi io sia, ehi
Facciamolo forte finché perdiamo decenza
Senza mezza pausa come in un piano sequenza
Finché faremo fatica a guardarci negli occhi e
Sprechiamo parole, non ne capiamo l’essenza, ehi
Noi siamo una tempesta senza fine
Qua non esiste bene senza male
E nemmeno una rosa senza spine, ehi

Baby, ti aspetto giù
Finché avrai le idee chiare
Solo senza le chiavi sotto il temporale, ma
Nun me saccio fidà ‘e vote
E alla fine faccio bbuono
Quindi penso sempe ‘a male ‘e l’atre accussì nun me sbaglio

Spiegami cosa pensi di me una volta buona
Capita che un uomo cerca quello che non trova
So che a breve mi lascerai solo, ma non ora, non ora

Il significato della canzone Idee Chiare

Idee Chiare, seconda traccia nella tracklist di Dio Lo Sa, il terzo album di Geolier, è stato prodotto in collaborazione tra Dat Boi Dee e Finesse. La canzone, com’era accaduto per Chiagne, riflette sull’amore tra due partner e sulla mancanza di fiducia che traspare nel rapporto. La volubilità dei sentimenti, soprattutto nella strofa di Geolier, enfatizza la rapidità con cui i due partner si sono allontanati dopo essersi dato tutto, soprattutto quando canta: “Simm stat poc’ e dat’ assai cumm’ se fà e vot’ mijez e guai” (“Siamo stati poco assieme e ci siamo dati tanto, come si fa a volte in mezzo ai guai”) o “A vit’ in fondo è guerra e ij l’affront cu te p’ poc’ ma giur m’avess accijs’ p’ sta sulo cu’ tte n’atu poc” (“La vita in fondo è guerra e l’affronto con te per poco, ma giuro mi sarei ucciso solo per stare con te un altro poco”). Una linea che viene tracciata anche da Lazza quando canta: “Finché faremo fatica a guardarci negli occhi e sprechiamo parole, non ne capiamo l’essenza, ehi. Noi siamo una tempesta senza fine, qua non esiste bene senza male“. La duplice essenza del rapporto, che lega l’intensità alla sua breve durata, viene incorniciata in un momento di nostalgia e malinconia del passato, come quando Geolier canta: “Malinconij ca’ ment’ pens a primm’ e sorrid pur’ sij stev pegg’” (Malinconia, con la mente penso a prima e sorrido, anche se stavo peggio).

Condividere.
© 2024 Mahalsa Italia. Tutti i diritti riservati.