Storie Web giovedì, Maggio 23
Notiziario

Il 6° disco di platino di Materia, l’ultimo album di Marco Mengoni, certifica il grande successo nell’ultimo triennio dell’autore di Ronciglione: un disco diventato tra i più importanti della musica pop italiana.

Marco Mengoni, foto di Andrea Bianchera

Cos’hanno in comune Materia di Marco Mengoni e Blu Celeste di Blanco? I due album sono diventati tra i più importanti progetti pop in Italia, riconosciuti anche dal pubblico, come testimoniano le certificazioni FIMI. Infatti, nelle scorse ore, Materia ha raggiunto la sesta certificazione di platino, che suggella anche un enorme spazio di attenzione che l’autore ha avuto nell’ultimo triennio. Ma soprattutto, testimonia l’investimento di Marco Mengoni in un progetto che ha avuto più facce, una continua evoluzione che ha portato alla pubblicazione di Materia (Terra), ma anche Materia (Pelle) e Materia (Prisma). L’autore ha pubblicato sul suo profilo Instagram una foto legata al successo di Materia: “Prendeva forma casa. Materia era ancora un raggio di luce che filtrava dalla folta chioma di un alloro secolare. Quante cose son passate da quei giorni. Sesto platino, grazie a tutti quelli che ci hanno creduto e continuano a farlo“.

Il progetto, pubblicato il 3 dicembre 2021 nella sua prima versione, arrivava a tre anni da Atlantico e preannunciava anche l’impegno estivo negli stadi: il 19 giugno 2022 a San Siro e tre giorni dopo all’Olimpico di Roma. Un lavoro che, nell’intervista a Fanpage.it, Marco Mengoni aveva descritto così: “Avevo bisogno di immagazzinare, metabolizzare passaggi di vita, sapere bene cosa raccontare e condividere. Ho avuto il tempo di pensare, andare in profondità. Poi a un certo punto fai il giro e torni all’origine, trovi una centratura, che per me ha voluto dire  ascoltare un certo tipo di musica che mi rasserenasse e mi facesse crescere allo stesso tempo“. Bisognerà attendere quasi un anno, con Materia Pelle che arriverà solo il 7 ottobre. Un progetto che si basa sulla contaminazione, e che come raccontava Mengoni, nasce dal test del DNA che aveva svelato un aspetto importante per il suo nuovo racconto musicale: “L’aver fatto il test del DNA è stato veramente molto interessante, soprattutto scoprire nel tuo DNA quante etnie ci sono, in che percentuale, e ho scoperto che sono solo per il 35% italiano. Questo secondo disco voleva essere italiano al 35% e il ristante preso da culture musicali diverse dalle mie“.

All’interno del progetto, le collaborazioni con La Rappresentante di Lista in Attraverso Te, ma anche di Bresh in Chiedimi come sto e Ancora una volta con Samuele Bersani. I mesi successivi però, saranno tra i più importanti della carriera di Mengoni, che a 10 anni dalla vittoria del Festival di Sanremo 2013 con L’essenziale, parteciperà di nuovo alla kermesse con Due Vite. Sul palco dell’Ariston si imporrà sin dalle prime esibizioni come il favorito alla vittoria finale, suggellato anche durante la serata cover con l’interpretazione di Let it Be con il coro dei The Kingdom Choir. La vittoria al Festival di Sanremo 2023 è il punto d’inizio di un tour europeo, che anticiperà la sua partecipazione all’Eurovision Song Contest: pur essendo tra i più applauditi della kermesse, si classificherà quarto, solo 12 punti dietro Israele.

Perché Sirio di Lazza potrebbe diventare il primo disco di diamante in era Fimi

L’ultimo appuntamento con Materia arriva a maggio 2023, anticipando un tour negli stadi, partito lo scorso 17 giugno da Bibione e che ha attraversato Padova, Salerno, Bologna, Bari, Torino e Milano. Date che anticipano  il tour europeo che lo vede impegnato a Barcellona, Bruxelles, Amsterdam, Parigi, Francoforte, Vienna, Zurigo e Monaco. Per l’occasione, Mengoni ha deciso di pubblicare anche una versione in francese del brano sanremese: La Dernière Chanson. All’interno del disco sono presenti anche i singoli con Elodie, Pazza Musica, e Un’altra storia con Franco 126.

Il suo 2023 si chiude con i 100 milioni di visualizzazioni raggiunti da Due Vite su YouTube, un risultato analogo a ciò che è accaduto su Spotify al brano. A un anno di distanza dalla vittoria di Sanremo 2023, Mengoni è ritornato sul palco del Festival di Sanremo 2024, durante la prima serata, da conduttore. Solo pochi giorni prima, al TG1, Marco Mengoni ha annunciato un tour negli stadi nel 2025: si partirà il prossimo 26 giugno dallo stadio Diego Armando Maradona di Napoli.

Condividere.
© 2024 Mahalsa Italia. Tutti i diritti riservati.