Storie Web giovedì, Maggio 23
Notiziario

Secondo il deputato sospeso da Fratelli d’Italia a sparare sarebbe stato Pablito Morello, poliziotto penitenziario e capo della scorta del sottosegretario alla Giustizia Andrea Delmastro. La sua versione, però, non coincide con quella degli altri testimoni e con le perizie balistiche che lo indicano come responsabile. Ad oggi, Pozzolo è l’unico indagato.

Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Non sarebbe stato l’onorevole Emanuele Pozzolo a sparare durante il veglione di Capodanno. Almeno, questa è la versione fornita dal deputato vercellese di Fratelli d’Italia. Nell’interrogatorio di ieri, alla procura di Biella, il deputato sospeso da Fratelli d’Italia fa il nome di un agente di polizia penitenziaria: Pablito Morello, che fa da capo della scorta del sottosegretario alla Giustizia Andrea Delmastro. Sarebbe stato quindi il suocero a ferire Luca Campana: la vittima dello sparo, infatti, è il compagno della figlia di Morello. Una versione che, tuttavia, deve essere confermata dagli inquirenti, e che non coincide con quella fornita dagli altri presenti il primo dell’anno alla sede della pro loco di Rosazza, provincia di Biella, dove si è verificato l’incidente.

Cosa è successo a Capodanno secondo i testimoni

È la prima volta che Pozzolo, onorevole attualmente sospeso da Fratelli d’Italia, dà una sua versione dei fatti. Aveva dichiarato, nei giorni che sono seguiti all’accaduto e alla sua sospensione dal partito, che avrebbe fornito solo alla magistratura la sua ricostruzione sull’incidente. E durante l’interrogatorio di ieri, finalmente, ha ricostruito quello che secondo lui sarebbe successo la notte di Capodanno. Ma l’accusa rivolta al capo della scorta del sottosegretario Delmastro è inedita. Soprattutto, è in contraddizione con quanto detto dalla vittima dello sparo, Luca Campana. Da tempo, infatti, tanto il genero di Morello quanto lo stesso capo scorta affermano che a sparare sia stato Pozzolo, e la perizia balistica confermerebbe questa versione.

Al momento il deputato è l’unico indagato dalla procura di Biella, che ha notificato la chiusura delle indagini a inizio aprile. Nessun altro testimone ha indicato Pablito Morello come responsabile dell’accaduto: il figlio del poliziotto penitenziario, Maverick Morello, ha testimoniato che a sparare sarebbe stato Pozzolo. Altri testimoni presenti, come l’assessore Davide Zappalà e il consigliere Luca Zani, entrambi in quota Fratelli d’Italia a Biella, hanno dichiarato di non aver visto dalle mani di chi sarebbe partito il colpo.

Pozzolo, procura chiude le indagini, il deputato rischia il processo: “Quel colpo non è partito da me”

Nell’interrogatorio del 18 gennaio, il primo di Pozzolo alla procura di Biella, il deputato aveva deciso di avvalersi della facoltà di non rispondere alle domande dei pm. Alla domanda sui motivi per i quali non avesse mai fatto il nome del capo scorta prima d’ora, ieri ha spiegato che si aspettava che fosse lo stesso Morello a costituirsi. Così non è stato e, dunque, dopo le perizie e dopo la fine dei rilievi degli inquirenti Pozzolo è ancora l’unico indagato.

Condividere.
© 2024 Mahalsa Italia. Tutti i diritti riservati.