Storie Web lunedì, Giugno 17
Notiziario

C’erano migliaia di persone, all’alba, sotto l’immensa piramide del Sole a Teotihuacan – in Messico, una delle più importanti testimonianze delle civiltà precolombiane: erano lì a salutare l’equinozio di primavera, il giorno in cui dopo l’inverno le ore di luce diventano uguali a quelle di buio e poi continuano a crescere verso l’estate. 

Turisti, cittadini messicani, curiosi e fedeli di vari culti, molti vestiti di bianco, hanno scalato la piramide del Sole per immergersi a mani alzate nei primi raggi del giorno e della nuova stagione. Alcuni credono di ricevere un’energia speciale da questo rito. 

Accade ogni anno, nei giorni dell’equinozio: il 20 o 21 marzo per l’inizio della primavera, il 22 o 23 settembre per l’inizio dell’autunno. La piramide del Sole è la terza al mondo per grandezza: fu costruita circa 2000 anni fa e sembra avesse la funzione di luogo sacro e insieme di punto di osservazione per i fenomeni astronomici e meteorologici. 

 

Condividere.
© 2024 Mahalsa Italia. Tutti i diritti riservati.