Storie Web giovedì, Maggio 23
Notiziario

E’ stato accolto dal tribunale di seconda istanza ungherese il ricorso presentato dai legali di Ilaria Salis che può quindi uscire dal carcere e andare ai domiciliari a Budapest. L’istanza dei domiciliari era stata respinta il 28 marzo scorso. Salis lascerà il carcere nei prossimi giorni, dopo il pagamento di una cauzione di 40mila euro e avrà il braccialetto elettronico.

Roberto Salis: Ilaria entusiasta di uscire dal carcere

«Ilaria è entusiasta di poter finalmente uscire dal carcere e noi siamo felicissimi di poterla finalmente riabbracciare». Così all’Ansa Roberto Salis ha commentato la decisione del tribunale ungherese di concedere i domiciliari a sua figlia Ilaria che, dopo oltre 15 mesi, potrà lasciare il carcere dove è detenuta con l’accusa di aver aggredito dei militanti di estrema destra. «Non è ancora fuori dal pozzo – ha aggiunto ma sarà sicuramente molto bello poterla riabbracciare dopo 15 mesi, anche se finché è in Ungheria io non mi sento del tutto tranquillo».

Legali Salis: finisce un incubo ma la sua battaglia continua

«Siamo molto soddisfatti, finalmente finisce questo incubo per Ilaria ma la sua battaglia continua». E’ il commento di Mauro Straini ed Eugenio Losco, i due legali italiani di Ilaria Salis, dopo aver saputo la decisione del tribunale ungherese di concederle i domiciliari a Budapest.

Nordio: soddisfazione per notizia dei domiciliari a Salis

«Vorrei manifestare la mia soddisfazione per la notizia che abbiamo ricevuto sulla concessione degli arresti domiciliari a Ilaria Salis». Così il ministro della Giustizia Carlo Nordio prima di rispondere ad una domanda al question time alla Camera.

Possibile la richiesta per domiciliari Salis in Italia

 

Condividere.
© 2024 Mahalsa Italia. Tutti i diritti riservati.