Storie Web venerdì, Marzo 1
Notiziario

Fuori programma agli Australian Open. La giornata dedicata agli ottavi di finale è stata contraddistinta da una situazione particolare durante la partita tra Zverev e Norrie. Il giudice di sedia infatti è stato costretto a sospendere il match per diversi minuti a causa di un manifestante che ha gettato dei volantini sul campo di gioco. Il suo messaggio però non ha “riscaldato” gli altri spettatori che l’hanno trascinata via.

Tutto si è verificato nel terzo set, quando il tennista tedesco era pronto per servire. Ad un certo punto alle sue spalle, qualcosa ha iniziato ad attirare la sua attenzione e poi quella di tutto l’impianto. Una spettatrice ha lanciato una serie di volantini sul cemento della Margaret Court Arena, per interrompere il gioco. La donna scatenata e coperta da cappellino, mascherina e occhiali da sole ha costretto i raccattapalle agli straordinari.

Mentre infatti i due tennisti attoniti si sono fermati, aspettando il ritorno alla normalità sotto gli occhi del giudice di sedia, gli addetti ai lavori si sono prodigati per recuperare tutti i foglietti prima che potessero arrivare più a ridosso della zona di gioco. Inizialmente si è pensato ad una forma di protesta contro Zverev, che andrà a processo il 31 maggio per rispondere delle accuse di violenza domestica e lesioni dell’ex fidanzata Brenda Patea.

Perché Berrettini-Tsitsipas agli Australian Open non si gioca più: Bergs al posto dell’azzurro

Immagine

Invece l’obiettivo della manifestante è stato quello di fare riferimento alla guerra tra Israele e Hamas, urlando a più riprese “Palestina libera”. Una frase presente anche sui volantini, dove c’era scritto anche “Crimini di guerra e genocidio”. A riportare la situazione alla normalità non sono stati gli steward, che ci hanno messo un po’ ad intervenire ma gli altri spettatori.

Immagine

Infatti due persone del pubblico hanno provveduto a bloccare la manifestante trascinandola poi quasi di peso verso l’uscita. Tutto per permettere ai giocatori di riprendere il match come se nulla fosse. Succede anche questo in Australia, con questa ragazza che ha sfruttato la cornice dell’evento tennistico più prestigioso in questo momento per provare a sensibilizzare l’opinione pubblica.

Immagine

Condividere.
© 2024 Mahalsa Italia. Tutti i diritti riservati.