Storie Web giovedì, Febbraio 29
Notiziario

A partire dagli Anni Settanta, i caucus dell’Iowa aprono ufficialmente la grande “cavalcata” verso uno degli appuntamenti elettorali più importanti al mondo, le elezioni per la presidenza degli Stati Uniti. Quest’anno, per la prima volta in vent’anni, cadono nel Martin Luther King Day, il 15 gennaio, anniversario della nascita del reverendo afroamericano, simbolo della lotta per i diritti civili dei neri. Anche se spesso i termini caucus e primarie vengono assimilati, i due eventi non sono la stessa cosa. Vediamo allora in cosa consistono.

La primarie funzionano come normali elezioni: sono gestite dallo Stato che le organizza, si può votare in anticipo, per posta o di persona nei seggi.

I caucus – termine di origine indiana, riferito alle riunioni dei capi tribù di Algonquin – sono invece gestiti dai partiti, richiedono agli elettori di presentarsi a un orario specifico e in un posto specifico, che dipende dal distretto elettorale di appartenenza. Sono come delle grandi assemblee, in cui ogni partecipante discute pubblicamente le proprie preferenze, tentando, ciascuno per la propria parte, di attrarre gli altri verso il favorito che esprime. Dopo questi dibattiti, si selezionano i delegati da inviare alle riunioni dello Stato di appartenenza, durante le quali vengono scelti i delegati per le rispettive convention.

In Iowa, primo Stato “ad andare ai caucus”, l’appuntamento è per lunedì 15 gennaio alle 19 ora locale presso scuole, ginnasi, palestre e chiese.

A differenza degli anni scorsi, questa volta i caucus dell’Iowa presentano una novità: i democratici li terranno via posta e i risultati non saranno noti fino a marzo. I liberal hanno deciso il cambio dopo il caos del 2020, quando non emerse un chiaro vincitore, ma soprattutto su spinta di Joe Biden. Il presidente in carica ha infatti voluto dare la priorità a Stati più eterogenei dal punto di vista socioculturale ed etnico rispetto all’Iowa e al New Hampshire, dove la popolazione è per la maggior parte bianca. Così i primi due Stati protagonisti della corsa dei democratici saranno la South Carolina, il 3 febbraio (con una grande popolazione afroamericana), e il Nevada, il 6 febbraio.

Condividere.
© 2024 Mahalsa Italia. Tutti i diritti riservati.