Storie Web venerdì, Febbraio 23
Notiziario

Gli Stati Uniti hanno condotto nuovi raid contro i miliziani Houthi nello Yemen all’alba colpendo una postazione radar. L’attacco è stato effettuato dalla nave da guerra statunitense USS Carney utilizzando missili Tomahawk, ha affermato il Comando Centrale degli Stati Uniti. Oggi il nuovo ministro degli Esteri francese Stephane Sejourné vola a Kiev, dove incontrerà il presidente ucraino Volodymyr Zelensky

Carro armato israelinano in azione ai confini con la striscia di Gaza
  • Iran: «Stop raid su Gaza per fine guerra e no attacchi a Houthi»

    Per mettere fine al conflitto in corso tra Israele e Hamas bisognerebbe fermare i raid aerei sulla Striscia di Gaza e non iniziare ad attaccare i miliziani sciiti Houthi. Lo ha scritto in un tweet il ministro degli Esteri dell’Iran Hossein Amirabdollahian. “La mossa dello Yemen per sostenere le donne e i bambini a Gaza e contrastare il genocidio del regime israeliano è encomiabile”, ha detto Amirabdollahian, aggiungendo che ’’Sana’a è completamente impegnata nella sicurezza marittima’’. Il capo della diplomazia iraniana ha aggiunto che ’’piuttosto che attaccare lo Yemen, la Casa Bianca dovrebbe immediatamente interrompere il suo totale sostegno militare e di sicurezza a Tel Aviv contro la popolazione di Gaza e della Cisgiordania, affinché la sicurezza ritorni nell’intera regione”.

  • La Cia raccoglie informazioni sui leader di Hamas a Gaza

    La Cia sta raccogliendo informazioni sui leader di Hamas a Gaza e sulla localizzazione degli ostaggi israeliani nella Striscia. Lo hanno detto funzionari Usa al New York Times (Nyt) ripreso dai media israeliani. Le informazioni – che sono condivise con Israele – non riguardano tuttavia miliziani di medio e basso livello ma solo i leader dell’organizzazione. Gli Usa ritengono infatti che le figure di quel tipo sono facilmente sostituibili sul campo e che colpirli mette a rischio la popolazione civile.

    Soldato israeliano (foto EPA/NEIL HALL)

  • Nuovo raid Usa contro Houthi in Yemen: colpita postazione radar

    Gli Stati Uniti hanno condotto nuovi raid contro i miliziani Houthi nello Yemen all’alba colpendo una postazione radar. L’attacco è stato effettuato dalla nave da guerra statunitense USS Carney utilizzando missili Tomahawk, ha affermato il Comando Centrale degli Stati Uniti. Si trattato di “un’azione successiva contro uno specifico obiettivo militare associato agli attacchi effettuati il 12 gennaio, progettato per ridurre la capacità degli Houthi di attaccare navi marittime, comprese le navi commerciali”, ha affermato il Centcom in una nota. Come spiega un funzionario americano citato a condizione di anonimato alla Cnn, i raid dell’alba sono stati inferiori rispetto alla notte precedente, quando era stato condotto un attacco coordinato multinazionale contro 28 postazioni. Si è trattato di un attacco unilaterale compiuto solo dagli Stati Uniti, come spiega la Cnn dopo che la Casa Bianca ha spiegato che si tratta di azioni finalizzate a evitare una escalation e un confronto diretto con l’Iran.

Condividere.
© 2024 Mahalsa Italia. Tutti i diritti riservati.