Storie Web venerdì, Febbraio 23
Notiziario

La decisione della Commissione europea sull’ingresso di Lufthansa con una quota di minoranza in Ita Airways slitta ad inizio giugno. Come anticipato dal Sole 24 Ore, la Dg Concorrenza ha formalizzato che non riuscirà a pronunciarsi entro il 29 gennaio, la scadenza della procedura ordinaria (la cosiddetta “fase uno”), ovvero 15 giorni lavorativi dopo la notifica dell’operazione da parte del vettore tedesco e del Mef. Bruxelles fa sapere che serve un supplemento di indagine e si passa alla cosiddetta “fase due”, dunque per la decisione serviranno ulteriori 90 giorni lavorativi, estendibli fino a 20 giorni.

La decisione finale sull’ingresso di Lufthansa nel 41% di di Ita Airways attraverso un aumento di capitale da 325 milioni di euro sarà presa entro il 6 giugno, dunque nei giorni finali della campagna elettorale per le elezioni europee.

Le offerte di Lufthansa giudicate insufficienti da Bruxelles

L’obiettivo, secondo la Commissione europea, è quello di prevenire le concentrazioni che potrebbero seriamente ostacolare la concorrenza nello spazio economico europeo, considerando che con il matrimonio con Lufthansa, Ita Airways entrerà in un network con Austrian, Brussels Airline, Eurowings e Swiss, Gli impegni offerti da Lufthansa l’8 gennaio per rispondere alle preoccupazioni preliminari dell’Ue sono stati ritenuti insufficienti, sia in termini di portata che di efficacia

Vestager: non va ridotta la concorrenza nel traffico a corto e a lungo raggio

«Intendiamo valutare più nel dettaglio l’operazione – ha affermato la vicepresidente della Commissione Ue responsabile per la Concorrenza, Margrethe Vestager – e garantire che l’acquisizione di Ita non riduca la concorrenza nel settore del traffico a corto e a lungo raggio e non comporti un aumento dei prezzi, una minore disponibilità o una qualità inferiore dei servizi di trasporto aereo di passeggeri da e verso l’Italia».

Per il corto e medio raggio nel mirino di Bruxelles sono i collegamenti tra «l’Italia e i paesi dell’Europa centrale», su alcune di queste rotte le due compagnie «competono testa a testa con collegamenti non-stop, una concorrenza limitata principalmente solo da parte di vettori low cost, come Ryanair, che in molti casi operano da aeroporti più remoti». In particolare l’intesa tra Ita e Lufthansa «potrebbe creare o rafforzare la posizione dominante presso l’aeroporto di Milano-Linate» e rendere «più difficile per i rivali fornire servizi di trasporto aereo passeggeri da e per” l’hub lombardo».

Condividere.
© 2024 Mahalsa Italia. Tutti i diritti riservati.