Storie Web giovedì, Febbraio 29
Notiziario

Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Se alle elezioni europee la leder di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni si presentasse capolista in tutte le circoscrizioni, il suo partito passerebbe dal 28 al 32%. È il dato che emerge da un sondaggio realizzato per ‘Porta a Porta’ dall’istituto demoscopico Noto, relativo alle intenzioni di voto alle prossime europee. La possibilità che Meloni si candidi ovunque come capolista è ancora un’ipotesi, ma è stata la stessa premier a parlarne durante la conferenza stampa di inizio anno: “Una mia eventuale candidatura potrebbe portare anche altri leader a fare la scelta, penso all’opposizione, potrebbe essere una cosa interessante”, aveva detto la presidente del Consiglio.

Neanche la leader dem ha ancora sciolto la riserva. Secondo Noto sondaggi, con la candidatura di Elly Schlein in tutte le circoscrizioni per le elezioni che si terranno in Italia l’8 e il 9 giugno, il Pd vedrebbe crescere il suo consenso dal 19,5 al 20%. Una eventuale candidatura della leader di Fdi penalizzerebbe invece la Lega, che scenderebbe dall’8 al 6,5%. Ma sarebbe un problema  anche per Forza Italia che passerebbe dal 7 al 6,5%; mentre Noi Moderati calerebbe dal 2 all’1,5%.

Nelle intenzioni di voto al terzo posto si colloca il Movimento 5 Stelle con il 17%, poi Azione e Italia Viva entrambi al 3%, +Europa al 2,0%. La Schlein capolista favorirebbe anche Verdi-Sinistra, che passerebbe dal 3,5 al 4%. Noto ha calcolato anche un valore complessivo agli schieramenti: il centrodestra (Fdi – Lega- Fi – Noi Moderati) raggiungerebbe il 45% senza la candidatura di Meloni e un punto e mezzo in più con la sua candidatura. Mentre il centrosinistra (Pd – Verdi e Si – +Europa) passerebbe dal 25% al 26% con la candidatura Schlein.

Condividere.
© 2024 Mahalsa Italia. Tutti i diritti riservati.