Storie Web venerdì, Febbraio 23
Notiziario

Se si tornasse oggi al voto, il risultato non cambierebbe di molto rispetto alle ultime elezioni politiche. Il quadro resta lo stesso ma ci sono alcune variazioni rispetto alla scorsa settimana: è quanto emerge dal sondaggio di Swg.

Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it

È passato circa un anno e mezzo dalle ultime elezioni politiche in Italia. Se gli elettori fossero richiamati oggi alle urne il risultato sarebbe pressoché lo stesso, con Fratelli d’Italia in cima ai consensi popolari, seguito dal Partito democratico e dal Movimento Cinque Stelle. È la fotografia che emerge dall’ultimo sondaggio politico elettorale di Swg, presentato come di consueto durante il telegiornale di La7. Le intenzioni di voto riflettono quanto emerso dall’ultima tornata elettorale, ma ci sono alcune leggere variazioni.

Fratelli d’Italia è saldamente la prima forza politica nel Paese, con un vantaggio di circa dieci punti dal Pd e 20 dalla Lega: tuttavia il partito di Giorgia Meloni risulta in leggero calo rispetto alla rilevazione della scorsa settimana, scendendo di 0,2 punti percentuali e fermandosi quindi al 28,8. Al secondo posto troviamo il Partito democratico. Anche i dem risultano in flessione, passando dal 19,4% del 15 gennaio al 19,1% del 22 gennaio. In terza posizione, invece, il Movimento Cinque Stelle che rimane stabile rispetto a una settimana fa al 16,1%.

In discesa anche la Lega, che rispetto alla rilevazione della scorsa settimana perde 0,3 punti percentuali e passa dall’8,8% all’8,5%. In leggera crescita, invece, Forza Italia che acquisisce 0,2 punti percentuali rispetto al risultato della scorsa settimana e ariva così al 7,4%.

Sondaggi politici, chi vincerebbe se si votasse oggi: Fratelli d’Italia resta a dieci punti dal Pd

Dopo gli azzurri troviamo Azione, allo stesso modo in leggera crescita, precisamente dello 0,3% con cui arriva al 4,3%. Aumenta i propri consensi anche l’Alleanza Verdi e Sinistra, che passa dal 3,4% della scorsa settimana al 3,6% attuale. In lieve flessione, infine, Italia Viva, che perde 0,1 punti percentuali e scende al 3,4%.

Tutte le altre forze politiche, se si tornasse oggi a votare, non riuscirebbero ad arrivare alla soglia di sbarramento fissata al 3%, restando così fuori dal Parlamento. Aumenta, infine, la quota di coloro che non si esprimono, o perché non hanno deciso per chi votare o perché hanno deciso di non recarsi ai seggi: sono il 41% degli elettori.

Condividere.
© 2024 Mahalsa Italia. Tutti i diritti riservati.