Storie Web martedì, Febbraio 27
Notiziario

“Se partiamo dal presupposto che sarà impossibile, partiamo già sconfitti. Non dobbiamo ragionare così, ma avere entusiasmo e fiducia: è una partita bella da vincere. Ci proviamo a tutti i costi, con una bella faccia tosta. Quando c’è da soffrire, bisogna farlo tutti insieme”. Così Maurizio Sarri ha presentato la partita che la Lazio giocherà all’Olimpico contro il Bayern Monaco. Alla vigilia del match valido per l’andata degli ottavi di Champions League il tecnico biancoceleste ha presentato la sfida in conferenza stampa con il capitano Ciro Immobile al suo fianco e ha proseguito così il suo primo intervento: “Domani ci saranno momenti difficili, dobbiamo superarli. È inevitabile quando affronti squadre come il Bayern. Dobbiamo fare il contrario di quello che abbiamo fatto con l’Inter in Supercoppa”.

Sarri aveva parlato di ‘operazione leggerezza’ dopo la vittoria di Cagliari e a chi gli chiede come procede risponde così: “Nei lavori ci sono sempre aspetti pesanti. Non dobbiamo scordarci che facciamo un gioco e ci dobbiamo divertire. Non significa essere superficiali però, altrimenti non ti diverti. Se si spegne il bambino che ha cominciato a giocare a calcio, l’adulto si diverte meno e rende meno. Non dobbiamo dimenticarci che siamo privilegiati, probabilmente avremmo giocato a calcio anche gratis”.

Immagine

A chi gli chiede che Bayern si aspetta, visto che sabato hanno messo la difesa a 3, e sulla scelta a centrocampo tra Vecino e Cataldi ha risposto così: “Oggi Vecino non stava particolarmente bene, non dovrebbe essere un problema enorme ma vediamo domattina e andremo a decidere. Mi aspetto un Bayern forte: per esperienza un anno mi misi a guardare le partite del Real in campionato, ma in Champions era un’altra squadra. Mi aspetto la stessa cosa col Bayern”.

Volano gli stracci tra Sarri e i calciatori della Lazio: alta tensione nello spogliatoio

Alla domanda sulla possibilità di vedere Luis Alberto giocare più vicino a Immobile nel ruolo di trequarti Sarri afferma: “È il nostro centrocampista più offensivo, ma il trequartista che voglio io non lo può fare. Mi piace che il trequartista attacchi gli spazi, lui è più bravo a gestire la palla”.

Immagine

Le condizione di Patric, Rovella e Zaccagni: “Patric si è allenato, non ha grande dolore ma ha difficoltà nello scontro fisico nel proteggersi. Zaccagni era ancora fuori, con i tacchetti ha ancora dolore nei cambi di direzione. Rovella ha un inizio di pubalgia che si è acutizzato ed è in difficoltà, vediamo”.

Sul ‘progetto Sarri’ alla Lazio il tecnico napoletano ha dichiarato: “Quello che serve alla società ci penserà il presidente, gli ho detto ciò che penso. Si parla tutti, si parla di tane possibili variante, poi vai a vedere i singoli campionati e vincono sempre le società con il maggior fatturato. Poi ci sono dei casi straordinari. Gli investimenti sono determinanti”.

Condividere.
© 2024 Mahalsa Italia. Tutti i diritti riservati.