Storie Web martedì, Febbraio 27
Notiziario

Maurizio Sarri non ha accampato alibi di fronte ad una sconfitta evidente, contro l’Inter in semifinale di Supercoppa. “Non abbiamo fatto nulla di quanto chiesto: timorosi, impauriti, lenti. Abbiamo fatto una figura pessima a livello internazionale”

Entra nel nuovo canale WhatsApp di Sport Fanpage.it

Maurizio Sarri ha il volto cupo e la voce bassa nel post partita di Inter-Lazio semifinale di Supercoppa. Una gara che ha perso malamente, subissata dai nerazzurri che hanno imperversato chiudendo con un perentorio 3-0. Che ha evidenziato un fap enorme tra le due squadre, facendo palesemente innervosire il tecnico dei capitolini: “Il divario non è quello visto questa sera, ma questa sera abbiamo sbagliato tutto”.

Una partita in cui la Lazio non è mai entrata in gara, costantemente sotto scacco da parte dei nerazzurri di Inzaghi superiori nel gioco e nel risultato: “Inspiegabile quanto visto in campo” ha sottolineato Sarri. “Eravamo partiti anche benino, poi non abbiamo fatto più nulla. Sono deluso, non arrabbiato coi giocatori. Forse arrabbiato perché abbiamo fatto una pessima figuraccia a livello internazionale e questi non siamo noi. Nel calcio si può perdere, certo, ma non in questo modo. Così non va assolutamente bene”.

L’analisi di Sarri è spietata, senza alibi né scusanti: “Eravamo in ritardo su tutto. Ho visto una squadra sinceramente molle, timorosa, piena di errori e impauriti nella fase offensiva. Siamo rimasti spesso a metà strada, abbiamo perso le misure, gli scivolamenti sbagliati e non fatti ci hanno messo in difficoltà atroce. Quando tutto ciò viene fatto così mi fa pensare che o siamo pieni di paure o siamo mentalmente spenti”

Inter devastante vola in finale di Supercoppa contro il Napoli: Lazio travolta 3-0 dai nerazzurri

Una situazione che in stagione si è vista anche in altre occasioni, senza una logica spiegazione: “Non è la prima volta che questa squadra soffre di blackout improvvisi dopo periodi positivi” l’amaro epilogo davanti ai microfoni TV. “Non riesco nemmeno io a spiegarmelo, c’è da fare gli applausi all’Iner perché i meriti altrui non devono mai essere sottovalutati, anzi. Ma i nostri demeriti sono stati enormi da parte nostra e la differenza vera tra noi e loro non è certo quello che si è visto questa sera”.

Amarezza e delusione condivisa anche con il patron Claudio Lotito che ha voluto incontrare subito la squadra dentro gli spogliatoi nel fine partita: “Anche Lotito la pensa come me. Arrabbiato? Assolutamente no, era deluso e quando è entrato negli spogliatoi lo ha fatto vedere ai giocatori. In ogni sconfitta e sbaglio c’è un insegnamento e anche questa sera dobbiamo trarre qualcosa di positivo anche se difficile”

Condividere.
© 2024 Mahalsa Italia. Tutti i diritti riservati.