Storie Web domenica, Aprile 21
Notiziario

All’indomani dalla notizia della morte di Alexei Navalny, che ha sconvolto il mondo intero, la madre e i legali del dissidente russo si sono recati nella colonia penale siberiana dove era detenuto per avere notizie. Alla madre è stato consegnato un biglietto dove è scritto che l’oppositore è morto ieri, 16 febbraio alle 14:17 ora locale. I funzionari del carcere hanno detto alla donna che il figlio è deceduto a causa di una “sindrome da morte improvvisa”, e che il corpo è stato portato nella vicina città di Salekhard.

Quando la madre di Navalny e uno dei legali dell’uomo sono arrivati all’obitorio, lo hanno trovato chiuso e quando hanno telefonato al numero indicato sulla porta, è stato detto loro che il corpo dell’attivista non si trovava lì. Un altro avvocato di Navalny si è recato al Comitato Investigativo di Salekhard e gli è stato detto che la causa della morte del dissidente non era ancora stata determinata e che erano in corso nuove indagini i cui risultati sarebbero stati resi noti la prossima settimana. Il Comitato investigativo russo ha informato il team di Navalny che il corpo non sarà consegnato ai suoi parenti fino al completamento delle indagini. “È ovvio che stanno mentendo e facendo tutto il possibile per evitare di consegnare il corpo”, ha denunciato su X la portavoce di Navalny Kira Yarmysh, che oggi ha confermato la morte del dissidente dicendo che è stato “ucciso”.

Centinaia di fermi

La notizia della morte di Navalny, il più forte degli oppositori di Putin, ha provocato proteste davanti alle ambasciate russe di tutto il mondo e anche all’interno della Russia dove finora quasi 400 persone sono state fermate per aver partecipato a raduni in memoria dell’attivista. Venerdì i russi hanno comunciato a deporre fiori presso i monumenti commemorativi delle vittime delle purghe dell’era sovietica. Gli omaggi a Navalny sono stati rimossi nella notte ma già da questa mattina sono spuntati nuovi fiori. A Mosca, un folto gruppo di persone ha gridato “vergogna” mentre la polizia trascinava una donna urlante. A San Pietroburgo sono state fermate più di 10 persone, tra cui un sacerdote che voleva celebrare una funzione per Navalny. In altre città del Paese, la polizia ha isolato alcuni monumenti commemorativi e gli agenti hanno fotografato i presenti e annotato i loro dati personali, in un chiaro tentativo di intimidazione.

Presa posizione G7

La morte dell’oppositore russo è stata al centro della Conferenza sulla sicurezza di Monaco e della riunione informale dei ministri degli Esteri del G7 che si è tenuta al margine del meeting. Alla Conferenza è intervenuto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky. La morte in prigione dell’oppositore del Cremlino, Alexei Navalny, “conferma che Putin è un criminale” e “ci sono solo due modi in cui può finire: davanti al tribunale dell’Aia o ucciso da qualcuno che ora uccide per suo conto”, ha detto, esortando a una risposta comune contro il presidente russo per evitare una catastrofe. Il vicepremier e ministro degli Affari esteri, Antonio Tajani, ha aperto la riunione dei ministri del G7 chiedendo ai suoi colleghi un minuto di silenzio per onorare Navalny. Tajani ha riferito che i capi della diplomazia delle maggiori economie del mondo hanno “espresso la loro indignazione per la morte in detenzione” dell’oppositore russo, “ingiustamente condannato per attività politiche legittime e per la sua lotta contro la corruzione”. I ministri degli Esteri del G7 “hanno chiesto alle autorità russe di chiarire pienamente le circostanze della sua morte” e “hanno invitato la Russia a porre fine all’inaccettabile persecuzione del dissenso politico”.

Italia, piazza bipartisan per Navalny

In Italia, la proposta lanciata via social da Carlo Calenda per “una iniziativa congiunta” per ricordare Alexei Navalny raccoglie le adesioni delle forze di opposizione. E non solo. Anche dalla maggioranza si fanno sentire. C’è l’adesione, comunicata direttamente a Calenda, di Forza Italia e Noi Moderati. In serata arriva anche quella di Fratelli d’Italia con Giovanni Donzelli. Ci saranno pure Cisl e Uil, si fa sapere da Azione. Insomma, la piazza proposta da Calenda diventa bipartisan. Sebbene all’appello manchi, per il momento, la Lega nel fronte maggioranza, mentre nel tardo pomeriggio è arrivata l’adesione del Movimento 5 Stelle.

Condividere.
© 2024 Mahalsa Italia. Tutti i diritti riservati.