Storie Web mercoledì, Febbraio 28
Notiziario

Un altro punto oscuro della vicenda di Capodanno: il deputato Pozzolo aveva ottenuto il porto d’armi per difesa personale da metà dicembre, ma i carabinieri avevano dato parere negativo al rilascio della documentazione.

Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it

Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Nuovo tassello nell’inchiesta che riguarda Emanuele Pozzolo, il parlamentare di Fratelli d’Italia sospeso dal partito dopo l’incidente di Capodanno, quando dalla pistola che aveva portato con sé a una festa a Rosazza, nel Biellese, a cui partecipava anche il sottosegretario alla Giustizia Andrea Delmastro, è partito un proiettile per errore, che ha ferito uno dei presenti, Luca Campana.

Il deputato di Fdi aveva il porto d’armi per difesa personale da metà dicembre, e i carabinieri di Biella avevano dato parere negativo sulla necessità per il parlamentare. La notizia è riportata dal quotidiano La Stampa, che sottolinea quindi come fossero trascorse appena due settimane dal rilascio, quando è avvenuto l’episodio dello sparo. Fino ad ora il deputato ha sempre negato che la pistola fosse in mano sua quando è partito il colpo che ha ferito alla coscia il genero di un agente della scorta di Delmastro. Non è ancora chiaro poi come mai Pozzolo avesse tirato fuori l’arma in quel frangente, in un luogo in cui tra l’altro erano presenti anche dei bambini.

Altre armi, come già noto, Pozzolo le aveva nella sua casa di Vercelli, grazie al porto d’armi per uso sportivo di cui era già in possesso. Il parere negativo alla necessità di difesa personale per Pozzolo era stato fornito dai militari di Biella, competenti per territorio, in quanto il parlamentare dall’autunno del 2022 aveva stabilito la sua residenza a Campiglia Cervo, paese vicino a Rosazza, luogo della festa. La motivazione della richiesta del porto d’armi per difesa sarebbe legata al timore di ritorsioni in seguito alla partecipazione a un convegno sulla situazione dei cristiani in Iran.

Pozzolo ribadisce di non essere stato lui a sparare: “Commenti terribili su di me, mi chiamano pistolero”

Il Partito Democratico ha annunciato un’interrogazione parlamentare su quest’aspetto della vicenda: “Presenterò un’interrogazione urgente al ministro Piantedosi sulla vicenda del rilascio del porto d’armi al deputato di Fratelli d’Italia, Emanuele Pozzolo, da parte della Prefettura di Biella, nonostante il parere negativo dei carabinieri. Se fosse confermata questa circostanza crediamo si renderebbe necessario un immediato intervento del ministro dell’Interno Piantedosi per verificare le ragioni di questa procedura alquanto irrituale seguita dalla prefettura biellese”, ha scritto in una nota l’onorevole Federico Fornaro, dell’Ufficio di presidenza del gruppo Pd alla Camera.

“La prassi, infatti, è esattamente opposta: se i Carabinieri esprimono parere negativo al rilascio del porto d’armi a un cittadino, questo viene negato dalla prefettura. Perché nel caso del deputato Pozzolo – ha aggiunto il parlamentare del Partito democratico -, la prefettura si è comportata in maniera differente? Hanno prevalso altre motivazioni o raccomandazioni eccellenti? E se si quali? È necessario avere piena chiarezza quanto prima visto che grazie a quel porto d’armi il deputato Pozzolo poteva girare armato la sera di Capodanno a Rosazza”.

“Dopo 15 giorni non si ancora che cosa è accaduto veramente alla festicciola a Capodanno, con pistola acclusa, di Delmastro e Pozzolo. Anzi ora si scopre pure che a quest’ultimo i carabinieri avevano dato parere negativo per il porto d’armi, eppure la prefettura senza batter ciglio glielo aveva concesso. Avevo accennato qualche settimana fa che sembrava il copione di un film di quart’ordine. Siamo invece ben oltre l’immaginabile”, è il commento del segretario nazionale di Sinistra Italiana Nicola Fratoianni, parlamentare dell’Alleanza Verdi Sinistra.
“La presidente del Consiglio fino a quando farà finta di niente? Pensa davvero che gli italiani siano dei gonzi? Il caso Delmastro e Pozzolo, le vicende che coinvolgono il sottosegretario alla cultura Sgarbi, – prosegue il leader di SI – l’affaire Santanchè con tutto quello che abbiamo visto nelle varie inchieste, giornalistiche e giudiziarie. Non è forse arrivato il momento di fare pulizia in questo governo? O la destra vuol fare la faccia feroce solo con la povera gente?”.

Condividere.
© 2024 Mahalsa Italia. Tutti i diritti riservati.