Storie Web martedì, Febbraio 27
Notiziario

Vaccini, distanziamento fisico, scuole e luoghi di lavoro chiusi nello scenario più grave. Ecco cosa c’è nella bozza del piano pandemico, che agita le acque dentro Fratelli d’Italia.

Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it

Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Quanto emerso fino ad ora sul piano pandemico 2024-2028, su cui sta lavorando il governo in questi giorni, non convince Fratelli d’Italia. “Sembra scritto dagli uomini di Speranza…”, ha detto un esponente di Fratelli d’Italia all’Agi

La bozza è stata preparata dagli uffici del dicastero della Salute, ed è al vaglio della Conferenza Stato-Regioni: dopo l’eventuale esito positivo il testo dovrebbe essere inviato alla Gazzetta Ufficiale per la pubblicazione.

Secondo i punti chiave del documento di 218 pagine – il primo piano allargato a tutti i patogeni respiratori – i vaccini sono la misura “più efficace”, con un “rapporto rischio-beneficio significativamente favorevole”. Nel piano si fa rifermento anche al possibile ricorso a restrizioni delle libertà personali in caso di necessità, distanziamento fisico, mascherine, isolamento e limitazione negli spostamenti, e si considerano i dpcm come uno “strumento centrale di governo dell’emergenza sanitaria”. Nello scenario più grave si ipotizza anche la chiusura dei luoghi di lavoro e si parla anche di lockdown, lo stesso che abbiamo visto nel 2020, comunque dalla durata limitata. La definizione del piano è fondamentale, visto che l’Italia si è trovata ad affrontare il Covid con un piano pandemico obsoleto.

Covid, il WSJ: “La Cina mappò il virus due settimane prima di annunciarlo al resto del mondo”

Le 4 fasi del piano

Nel documento, come riportato dal Messaggero, vengono indicate 4 fasi per severità di impatto della malattia, in caso di patogeno respiratorio a trasmissione aerea e/o droplets. Nel terzo, che corrisponde a ‘gravità alta’, è previsto l’obbligo di mascherina o Dpi, chiusure di scuole e Università, misure per ridurre il sovraffollamento nei trasporti. Nella quarta fase, ‘gravità straordinaria’, si parla di limitazione negli spostamenti. Nel testo si specifica che in piena emergenza è “necessario imporre limitazioni alle libertà dei singoli individui al fine di tutelare la salute della collettività”. In ogni caso, si precisa, si tratta di interventi circoscritti nel tempo:

Eventuali restrizioni alla libertà individuale devono rimanere in vigore solamente lo stretto necessario ed essere proporzionate sia alla probabilità sia all’entità dell’evento, affinché i rischi e i danni che potrebbero derivare per i singoli individui siano contenuti e inferiori al beneficio collettivo auspicato.

E ancora, si sottolinea:

L’isolamento di intere comunità o l’interruzione di attività sociali, come la scuola, possono costruire un mezzo per limitare i contagi ma anche l’esperienza del Covid ha mostrato come siano difficilmente sostenibili per lunghi periodi senza conseguenze sul benessere della popolazione e sulla sostenibilità economica.

Conte contro Meloni

L’ex premier Conte ha attaccato il governo e in una nota ha preteso le scuse della presidente del Consiglio Meloni, giudicandola “una faccia da bronzo” e ricordando di tutte le volte in cui Fratelli d’Italia si è scagliato contro il suo esecutivo, accusandolo di deriva autoritaria. “Il tempo è galantuomo”, ha commentato l’ex presidente del Consiglio, che ha guidato il Paese nel periodo più critico della pandemia nel 2020.

Fratelli d’Italia, intanto, secondo quanto raccontato da Agi, ha chiesto spiegazoni all’esecutivo e al ministero della Sanità. Secondo fonti parlamentari quella bozza sarebbe destinata a cambiare. Il partito di Meloni ha ottenuto rassicurazioni sul fatto che il documento che sta girando in queste ore non è definitivo e non è ancora chiuso.

“Ma come, noi abbiamo attaccato i governi precedenti per i Dpcm e ci ritroviamo con la stessa modalità?”, si domanda un esponente di spicco di Fdi, parlando con Agi. “Tutto questo non c’era nel programma di governo”, si continua a ripetere nel partito. E anche nella Lega è emerso un certo disagio per la bozza.

Sempre sul tema Covid tra l’altro sul tavolo c’è anche l’incidente parlamentare di mercoledì scorso, con il pareggio in Commissione Sanità a Montecitorio sul voto al mandato al relatore del disegno di legge che istituisce una commissione sulla gestione della fase pandemica. Mercoledì ci sarà una nuova votazione, poi si avvierà l’iter, e la presidenza della Commissione è destinata proprio a Fratelli d’Italia.

Condividere.
© 2024 Mahalsa Italia. Tutti i diritti riservati.