Storie Web giovedì, Febbraio 29
Notiziario

Si è chiuso il concordato per il gruppo Moby. L’azienda ha comunicato di aver appreso l’emissione del decreto di archiviazione definitiva del concordato di Moby e Tirrenia-Compagnia italiana navigazione.

Il gruppo fa sapere, quindi, di guardare «ora con ottimismo al futuro, mentre prosegue il piano di rilancio aziendale intrapreso, che sta già facendo segnare risultati positivi in termini di prenotazioni per la prossima stagione».

L’intervento del socio Msc

Fattore decisivo per l’archiviazione è stato l’intervento del gruppo Msc che, nel 2022, ha manifestato la propria disponiblità a supportare Moby con un’ingente iniezione di capitale. Questo ha permesso il pagamento, a saldo e stralcio, del debito con lo Stato, per circa 80 milioni, relativo al mancato pagamento di alcune rate del prezzo di acquisto dell’ex Tirrenia.

Msc, intanto, è entrata al 49% nel capitale di Moby con 150 milioni di euro e ha messo a disposizione, tramite una società del gruppo, la Sas (Shipping agencies services), come finanziamento soci, circa 315 milioni per saldare i creditori dell’azienda della famiglia Onorato e permettere così la chiusura del concordato preventivo.

Nuove navi

L’azienda guidata da Achille Onorato (nella foto) ora attende, a breve, l’ingresso nella flotta della nuova Moby Legacy, gemella di Moby Fantasy che ha iniziato a operare la scorsa estate. Si rafforza così la presenza della compagnia sulla Sardegna, a cui si aggiunge l’apertura di due nuove tratte da e per la Corsica e la conferma di altre destinazioni già servite dalla compagnia, come Sicilia e Isola d’Elba.

Condividere.
© 2024 Mahalsa Italia. Tutti i diritti riservati.