Storie Web venerdì, Marzo 1
Notiziario

Cure accessibili a tutti è il messaggio lanciato dalla piazza di Roma che con l’associazione Fiocchetto Lilla ha manifestato per il taglio sui fondi nella legge di bilancio destinati ai disturbi alimentari.

Entra nel nuovo canale WhatsApp di Roma Fanpage.it

L’associazione Fiocchetto Lilla, che sostiene le famiglie delle persone che soffrono di disturbi del comportamento alimentare, ha manifestato in piazza a Roma e in altre ventotto città in Italia per chiedere più fondi e strutture per la cura dei dca.

Ragazze e ragazzi, famiglie, hanno indossato qualcosa di lilla, portando palloncini e cartelli con scritto: “Curarsi non deve essere un privilegio”, “Vorrei poter dire che non siamo soli e sole, ma la verità è che in questa lotta siamo senza armi” e ancora “Di disturbi alimentare si guarisce ma si può anche morire”.

La manifestazione principale si è svolta oggi pomeriggio davanti al Ministero della Salute, che ha ricevuto una delegazione delle persone in protesta.

Il ruolo di Denis Verdini nell’inchiesta per corruzione in Anas: per i pm era lui “mente e stratega”

“Insufficienti i 10 milioni di euro annunciati da aprile”

La protesta è stata organizzata dopo l’annuncio del governo Meloni del taglio di 25 milioni di euro per la cura dei disturbi alimentari nella legge di bilancio per chiedere misure concrete e maggiori. Il ministro alla Salute Orazio Schillaci infatti ha annunciato di aver “trovato” 10 milioni di euro che verranno destinati al fondo contro i disturbi alimentari nelle strutture sanitarie a partire da aprile 2024. Soldi che però le associazioni definiscono “insufficienti”.

Immagine

“Curarsi di dca nel privato costa fino a 300 euro al giorno”

“Una struttura residenziale privata costa dai 280 ai 300 euro al giorno e i ricoveri sono di mesi – spiega intervistata da Fanpage.it Maruska Albertazzi, attivista dell’associazione Fiocchetto LillaCi sono famiglie di persone affette da disturbi alimentari che poter farle curare si sono vendute casa”. Tante le ragazze e le donne che hanno portato e condiviso in piazza la loro testimonianza, tra le quali una mamma: “Nel 2020 c’è stata la chiusura totale con il Covid, Alessia ha iniziato fare atti di autolesionismo fino a quando a luglio 2021 mi ha detto al telefono ci vediamo all’ora di cena e poi si è messa davanti ad un treno”.

Condividere.
© 2024 Mahalsa Italia. Tutti i diritti riservati.