Storie Web venerdì, Febbraio 23
Notiziario

Madonna è stata denunciata da due fan di New York: l’accusa arriva per un ritardo di due ore nella sua data nella Grande Mela, costringendo loro a “trasporti pubblici limitati, condivisione limitata dei viaggi e/o aumento dei costi di trasporto pubblico e privato”.

Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it

Madonna, foto di Getty Images

Solo pochi giorni fa, il suo spettacolo a Toronto aveva prima irritato il pubblico per l’errore nei saluti iniziali, poi rinfrancato da una piccola polemica riaperta con Lady Gaga. Invece poche ore fa, Madonna ha ricevuto la denuncia, depositata presso il tribunale federale di Brooklyn, da parte di Michael Fellows e Jonathan Hadden. I due hanno affermato di aver acquistato i biglietti per uno spettacolo del 13 dicembre al Barclays Center come parte del Celebration tour di Madonna: la cantante si sarebbe presentata alle 22:30 sul palco, due ore dopo l’orario esibito sul biglietto, alle 20:30. Un ritardo che secondo le accuse dei due fan, li avrebbe lasciati all’una di notte bloccati fuori all’arena, con “trasporti pubblici limitati, condivisione limitata dei viaggi e/o aumento dei costi di trasporto pubblico e privato“. Nella denuncia, i due hanno inserito che il ritardo ha “influito anche sulla loro capacità di prendersi cura delle proprie responsabilità familiari il giorno successivo“.

Al centro delle accuse non c’è solo Madonna, infatti nella denuncia figurano gli amministratori del Barclays Center, ma anche il promotore del tour Live Nation per “pratiche commerciali inconcepibili, ingiuste e/o ingannevoli“. All’interno della causa, viene richiamato anche lo stato di class action, allargando l’orizzonte delle possibile vittime del ritardo di Madonna, anche a chi l’ha sostenuta nei successivi due concerti a New York: il 14 e il 16 dicembre scorso. Questo tipo di accuse, diventate vere e proprie denunce nei confronti di Madonna, non sono nuove alla cantante di origini italiane: nel 2019, durante il tour Madame X, un fan della Florida aveva accusato la donna di aver ritardato troppo il suo arrivo sul palco, denunciandola, mentre nel 2020 era accaduto a due spettatori di New York. Entrambe le cause legali vennero archiviate volontariamente dagli spettatori pochi mesi dopo.

Dopo il prossimo concerto del 20 gennaio a Montreal, Madonna è attesa da tre apparizioni al Madison Square Garden di New York, con una piccola pausa a Philadelphia, nel Wells Fargo Center, casa anche della squadra NBA 76ers. Un calendario fitto che già da mesi tiene la popstar, 65enne, in un ritmo costante, che stride anche con ciò che è accaduto solo pochi mesi fa, quando la stanchezza per le prove del Celebration Tour e un batterio, misero fuori gioco la cantante. Il 28 giugno scorso infatti, la cantante venne ritrovata priva di sensi nella sua casa a New York e trasportata in ospedale d’urgenza per un’infezione batterica, che l’ha costretta alcuni giorni in terapia intensiva. Durante un concerto, nelle scorse settimane a New York, la donna ha svelato che la sua assistente, Shavawn Gordon, le ha salvato la vita, portandola subito in ospedale dopo averla trovato priva di sensi nell’abitazione nell’Upper East Side della città.

Condividere.
© 2024 Mahalsa Italia. Tutti i diritti riservati.