Storie Web domenica, Aprile 21
Notiziario



Conflitto Israelo-Palestinese



18 Febbraio 2024



16:29

“L’ospedale Nasser a Gaza non è più in funzione, dopo un assedio durato una settimana e seguito dai raid ancora in corso”: lo ha detto il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), Tedros Adhanom Ghebreyesus.

Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it

Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Conflitto Israelo-Palestinese

Il Nasser Medical Complex, tra i principali ospedali nella Striscia di Gaza, non è più funzionante a causa dei bombardamenti israeliani. Lo ha detto il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), Tedros Adhanom Ghebreyesus. “L’ospedale Nasser a Gaza non è più in funzione, dopo un assedio durato una settimana e seguito dai raid ancora in corso“, ha scritto sui social, spiegando che in questi ultimi giorni è stato impedito al personale dell’Oms di entrare nell’ospedale per appurare le condizioni dei pazienti e le “critiche necessità mediche“.

Ci sono ancora circa 200 pazienti nell’ospedale. Almeno 20 persone hanno bisogno di essere immediatamente trasferite verso altri ospedali per ricevere cure mediche“, ha aggiunto il direttore dell’Oms, ricordando come ogni paziente abbia diritto all’assistenza medica. E ancora: “Il costo dei ritardi sarà pagato con le vite dei pazienti. L’accesso all’ospedale dovrebbe essere facilitato“.

Il mistero della Sanità di Gaza, controllato da Hamas, ha fatto sapere che la carenza di ossigeno nell’ospedale avrebbe già portato alla morte di sette pazienti. Decine di altri sarebbero in condizioni critiche. Sempre secondo fonti ministeriali l’esercito israeliano avrebbe anche arrestato 70 operatori sanitari e trasformato la struttura in un avamposto militare di Tel Aviv.

Israele lancia l’ultimatum a Rafah: “O tornano gli ostaggi o espanderemo le operazioni”

Da parte loro, le Forze di difese israeliane (Idf) hanno annunciato di aver arrestato almeno cento persone sospettate di “attività terroristiche” nell’ospedale. Tra queste ci sarebbe un autista di ambulanza di Hamas che avrebbe partecipato agli attacchi dello scorso 7 ottobre e un combattente del Fronte di liberazione popolare della Palestina. Durante le operazioni nell’ospedale i militari israeliani avrebbero trovato armi, inclusi esplosivi e mortai. All’interno dell’ospedale non sono invece stati trovati degli ostaggi, come invece avevano riferito alcune fonti di intelligence, secondo cui appunto i miliziani di Hamas avrebbero trattenuto alcune delle persone rapite il 7 ottobre proprio all’interno della struttura.

Condividere.
© 2024 Mahalsa Italia. Tutti i diritti riservati.