Storie Web martedì, Febbraio 27
Notiziario

Il collasso di una diga, un incidente industriale rilevante e un incidente nucleare oltre i confini dell’Italia: sono le tre emergenze che verranno simulate, tra il 22 e il 26 gennaio, per i nuovi test di It Alert, il sistema di allarme della popolazione di cui si sta dotando il nostro paese per iniziativa della Protezione civile. Gli ultimi test si sono svolti lo scorso settembre In Lombardia, Basilicata e Molise.

Test in 12 regioni

I test di invio del messaggio sui cellulari, sottolinea il Dipartimento della Protezione Civile, sulla base dello scenario di rischio simulato, interesseranno i cittadini residenti in porzioni di territorio ristrette di dodici regioni: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Piemonte, Sardegna, Sicilia, Toscana, Valle D’Aosta e Provincia Autonoma di Bolzano.

Gli scenari di rischio simulato

Come detto gli scenari di rischio saranno tre: collasso di una grande diga in Campania, Sicilia, Valle D’Aosta e Provincia Autonoma di Bolzano; incidente rilevante in stabilimenti industriali soggetti alla Direttiva Seveso in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Emilia-Romagna, Friuli – Venezia Giulia, Sardegna e Toscana; incidente nucleare in Piemonte.

Il messaggio in caso di allarme

Come già avvenuto in occasione dei precedenti test, chi riceverà il messaggio non avrà nulla da temere e non dovrà fare nulla se non leggere il messaggio che rimanda alla pagina web del sito IT-alert, dove sarà possibile visionare il testo del messaggio reale che i cittadini riceverebbero in caso di allarme per quel determinato rischio. Le date dei test, ricorda ancora la Protezione Civile, potrebbero subire variazioni nel caso in cui dovessero esserci eventuali allerte meteo-idro o situazioni di emergenza in atto

Il post-sperimentazione

Superata la fase di sperimentazione, IT-Alert consentirà di informare direttamente la popolazione in caso di gravi emergenze imminenti o in corso, in particolare rispetto a casistiche di competenza del Servizio nazionale di protezione civile, come precipitazioni intense, incidenti nucleari, emergenze radiologiche, incidenti rilevanti in stabilimenti industriali, collasso di una grande diga, attività vulcanica (Vesuvio, Campi Flegrei, Vulcano, Stromboli).

Condividere.
© 2024 Mahalsa Italia. Tutti i diritti riservati.