Storie Web martedì, Febbraio 27
Notiziario

La professoressa non sa a chi lasciare il cane per un’ora e chiede al dirigente scolastico di poterlo portare a scuola. Lui si mostra entusiasta e acconsente all’ingresso del cucciolo in aula. E’ quanto accaduto all’Istituto Marco Polo di Firenze suscitando un clamore mediatico.

“Non ci vedo niente di straordinario –ha raccontato Ludovico Arte, preside del Marco Polo alla stampa -. La nostra insegnante ha preso questo cucciolo da un paio di mesi e non sapeva dove sistemarlo per quella giornata. Quindi gli ho detto che poteva tranquillamente portarlo a scuola”.

“So che in altri istituti sarebbe stato uno scandalo, ma sinceramente la vedo come una cosa naturale. Diverse volte abbiamo fatto pet teraphy con laboratori pomeridiani, dove i ragazzi lavoravano sulle emozioni attraverso gli animali e professionisti del settore. L’idea di far entrare gli animali nella vita degli studenti può portare sicuramente dei benefici”, prosegue il dirigente scolastico.

La storia Arte, l’ha anche condivisa sui social: “Preside, ho preso un cucciolo e ho il problema che per un’ora non so a chi lasciarlo”. “Non si preoccupi, lo teniamo a scuola. Naturalmente è diventato subito la mascotte di tutti”, ha scritto sul suo profilo Facebook.

Quello che poteva risultare un problema si è trasformato in un’opportunità. La cagnolina a scuola, ha trascorso qualche ora tra le classi, la portineria e i corridoi, accarezzata dagli studenti entusiasti per la lieta novità.

“Questa è stata un’occasione casuale, ma sarebbe opportuno che gli animali entrassero nelle scuole per mille motivi”, ha detto ancora il dirigente dell’Itt Marco Polo, “Il rispetto e la convivenza con gli animali li valuto come un elemento fondamentale del vivere civile”.

Condividere.
© 2024 Mahalsa Italia. Tutti i diritti riservati.