Istat, nel terzo trimestre crescita confermata allo 0,5%. Spinta da consumi e turismo

0
30

MILANO – L’Istat conferma le stime di crescita preliminari sul Pil nel terzo trimestre. Secondo l’sitituto di statistica l’economia italiana è cresciuta dello 0,5% rispetto al trimestre precedente e del 2,6% rispetto allo stesso periodo del 2021, con una crescita acquisita per l’intero 2022 pari al 3,9%. A fare da propulsore alla crescita, evidenzia l’Istat, sono soprattutto consumi e servizi, in crescita dello 0,9%, in particolare turismo: commercio, trasporto, alloggio e ristorazione, contro il -0,6% dell’industria e il -2% delle costruzioni del 2%. Crescono dell’1,8% i consumi, oltre il doppio del +0,8% degli investimenti fissi lordi. Il contributo netto della domanda estera netta (export meno import, quest’ultimo gonfiato dal caro-energia) è negativo per 1,3 punti percentuali.

Borse e titoli di Stato, ecco perché nel 2023 andrà meglio. I consigli degli analisti per gli investitori


Rispetto al trimestre precedente, tutti i principali aggregati della domanda interna sono risultati in espansione, con tassi di crescita dell’1,7% dei consumi finali nazionali e dello 0,8% degli investimenti, mentre la domanda estera netta ha contribuito negativamente alla crescita del Pil. Dal punto di vista settoriale, prosegue per il sesto trimestre consecutivo la crescita del valore aggiunto dei servizi, soprattutto per l’apporto dei settori del commercio, trasporto, alloggio e ristorazione, mentre diminuiscono agricoltura, industria in senso stretto e costruzioni. Risultano stazionarie le ore lavorate e in lieve calo le unità di lavoro, le posizioni e i redditi pro-capite.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui