Storie Web martedì, Febbraio 27
Notiziario

Continuano a crescere sia nel breve che nel lungo periodo i due maggiori aeroporti siciliani. Da un lato il “Falcone -Borsellino” di Palermo che ha chiuso il 2023 con quello che è stato definito l’anno migliore di sempre, dall’altro l’aeroporto Fontanarossa di Catania che ha archiviato un 2023 funesto riuscendo a raggiungere comunque buoni risultati e ha avviato il 2024 con +12% in soli sette giorni. I dati delle società che gestiscono i due scali (da un lato Gesap per Punta Raisi, dall’altro Sac per Catania) certificano un dato consolidato per il traffico aereo da e per la Sicilia: la crescita è ormai continua da qualche anno.

I risultati del periodo festivo a Catania

Per quanto riguarda in particolare Catania la società di gestione sottolinea i risultati del periodo festivo: dal 22 al 27 dicembre dell’anno scorso sono stati registrati 1.071 movimenti rispetto ai 927 dell’anno precedente (713 sono nazionali +5,8% e 358 internazionali +41,5%) con un aumento del 15,5 per cento. I viaggiatori sono stati 160.139 viaggiatori con una crescita del 13% rispetto ai 141.772 dello stesso periodo 2022. Nella settimana del capodanno (dal 29 dicembre 2023 al 3 gennaio 2024) il traffico aereo ha raggiunto 1402 movimenti (con un incremento del 33,5%) a confronto dei 1.050 rispetto all’anno precedente (quelli su territorio nazionale raggiungono quota +20,4% e gli internazionali arrivano a 475 contro i 288 del 2022/2023 con un +65%). Tendenza positiva che si è riflessa ovviamente sul traffico passeggeri: ben 218.589 viaggiatori hanno transitato nello scalo di Catania (+33%). Un aumento importante guidato soprattutto dagli internazionali che quest’anno sono stati 76.572 (+68%).

Il recupero del 2023 a Fontanarossa

L’Aeroporto di Catania Fontanarossa ha chiuso il 2023 con oltre 10 milioni (10.739.614) di passeggeri. Il bilancio complessivo di fine anno è di 73.154 movimenti a paragone dei 72.505 del 2022 (+0,90%), di cui 45.971 a livello nazionale e 27.183 Internazionali (+9,5%). Il numero dei viaggiatori raggiunge un +6,34%, in particolare sono 6.873.616 nazionali e 3.865.998 internazionali (+15,5%).

I progetti di sviluppo anche per Comiso

«La collaborazione con le autorità nazionali e locali, le partnership con le compagnie aeree e la qualità dei servizi offerti da tutta la comunità aeroportuale sono la chiave per il nostro successo – dice Nico Torrisi, amministratore delegato di Sac –. Questi risultati sono la conferma del nostro impegno costante e dimostrano la fiducia dei viaggiatori. La diversificazione del traffico, con un notevole aumento dei voli internazionali, mostra la necessità di adattarsi continuamente alle esigenze di mercato. Siamo fiduciosi che il 2024 sarà un altro anno di prosperità e sviluppo per la rete aeroportuale della Sicilia orientale e che anche lo scalo di Comiso beneficerà in maniera decisa della maggiore offerta di compagnie aeree che hanno già pianificato l’operatività di numerose nuove rotte. Inoltre, lavoriamo alacremente con il sostegno della Regione Siciliana per lo sviluppo dell’area cargo nello scalo ibleo».

Palermo conferma la crescita

Già all’inizio di quest’anno l’aeroporto internazionale “Falcone Borsellino” di Palermo conferma il trend di crescita che si registra a partire dal 2022. Nel 2023 record lo scalo palermitano ha superato la soglia di 8 milioni di viaggiatori (un milione in più rispetto all’anno precedente e un incremento del 14%), con il traffico internazionale che ha raggiunto quota 30% (2.400.000 sul totale dei viaggiatori): il primato delle destinazioni internazionali nel 2023, da e per il “Falcone Borsellino”, spetta alla Francia con oltre 600 mila passeggeri, seguita da Germania (450 mila), Regno Unito (260 mila), Spagna (240 mila). Dall’1 al 7 gennaio 2024, rispetto allo stesso periodo del 2023, ci sono stati 961 voli (+24,6%) e 136.520 passeggeri (+20,5%), di cui 108.258 dal traffico nazionale (+18,4%) e 28.262 dal traffico internazionale (+28,9%). A dicembre 2023 i passeggeri in transito sono stati oltre mezzo milione (504.431), +12,15% rispetto allo stesso mese del 2022 (449.790) e +3,08% (489.381) sul 2019. I voli sono stati 3.727 contro 3.173 di dicembre 2022, con un incremento del 17,46%. I lunghi week end delle feste di fine anno sono stati caratterizzati dalla crescita. Dal 22 al 27 dicembre: 679 voli (+13,7%) e 96.535 passeggeri (+11,9%), di cui 69.123 dal traffico nazionale (+11,6%) e 17.184 dal traffico internazionale (+13%), mentre dal 29 dicembre 2023 al 3 gennaio 2024: 800 voli (+16,4%) e 117.653 passeggeri (+13,2%), di cui 91.226 dal traffico nazionale (+11,2%) e 26.427 dal traffico internazionale (+20,9%). «Un buon risultato – dice Vito Riggio, amministratore delegato di Gesap, la società di gestione dello scalo palermitano –. Adesso bisogna continuare con questo passo, migliorando servizi e produttività, per rendere sempre più efficiente ed accogliente la porta di ingresso della Sicilia occidentale».

Condividere.
© 2024 Mahalsa Italia. Tutti i diritti riservati.