Storie Web domenica, Aprile 21
Notiziario

Il Monza riesce nell’impresa di vincere in casa contro il Milan 4-2, in una gara dal finale pazzesco: avanti 2-0 con Pessina e Mota, i rossoneri recuperano in 10 fino al 2-2 con Giroud e Pulisic, prima del crollo nel finale quando i padroni di casa ritornano avanti con Bondo e Colombo.

Entra nel nuovo canale WhatsApp di Sport Fanpage.it

Impresa Monza contro il Milan rivisto da Pioli che va sotto di due gol, poi recupera sul 2-2 e infine crolla 4-2 fallendo anche il sorpasso sulla Juve per il secondo posto in classifica. A segno Pessina e Dani Mota, poi il recupero con Giroud e Pulisic, infine ancora Monza con Bondo e Colombo.

Il Monza si ritrova davanti un Milan rivisto e corretto da uno Stefano Pioli che lascia in panchina molti titolari rispetto alla uscita vincente contro il Rennes in Europa league. E Palladino ne approfitta. Il primo tempo è di marca brianzola mentre i rossoneri faticano a pungere e a costruire azioni importanti in area dei padroni di casa L’epilogo è quasi un disastro completo: il Monza va a riposo avanti di due gol con due reti in una manciata di minuti proprio prima dell’intervallo.

Immagine

Prima ci pensa Pessina che brucia Maignan dagli 11 metri, dopo che Dany Mota viene toccato in area da Thiaw: 1-0 perfetto che diventa improvvisamente 2-0 qualche istante più tardi sempre con Mota che in contropiede supera ancora difesa e portiere del Milan. Con l’esultanza del popolo brianzolo che accarezza l’impresa e il dramma rossonero sprofondato nel fondo del quasi anonimato.

L’Inter soffre ma piazza il poker all’Olimpico, la Roma perde 4-2 in rimonta: ora è a +7 sulla Juve

Immagine

Così Pioli stravolge la squadra per la ripresa dove si ripresenta in campo con Leao dal primo minuto alla ricerca di invertire il trend di un match complicatosi oltre ogni ipotesi iniziale. Per Palladino, al contrario, tutti confermati tranne Di Gregorio che aveva abbandonato il campo dopo uno scontro fortuito con il compagno di squadra Carboni. Ma la ripresa inizia nel peggiore dei modi con Jovic che sbraccia colpendo Andrea Carboni e viene punito dal VAR con il rosso diretto: Milan in 10 e sotto di due gol, con una gara che diventa una montagna da scalare.

Immagine

Il Monza riprende a giocare in scioltezza contro un Milan in disarmo soprattutto mentalmente, scaricato dal punteggio e dalla situazione contingente. A risollevare gli animi ci pensa il solito Oliver Giroud che, appena entrato, trova la via del gol della speranza che riaccende il match. Il Monza entra improvvisamente in apnea e la miglior qualità tecnica rossonera inizia a farsi sentire nel rush finale.

Con il Milan che riesce nella clamorosa rimonta a tre minuti dal 90′ quando Pulisic riesce a superare la difesa monzese, colpevole di non aver coperto adeguatamente la propria area, con un tiro perfetto all’incrocio dei pali per l’insperato 2-2. Ma nel finale accade davvero di tutto con la reazione dei padroni di casa grazie all’ex di turno, Damiel Maldini che offre sul filo del fuorigioco la palla a Bondo che trova la via del terzo gol per superare Maignan, con il beneplacito del VAR che conferma la regolarità dell’azione.

Alla fine i gol diventano quattro grazie al poker dell’ex di turno, Colombo che all’ultimo istante trova la via della rete personale alla sua vecchia squadra. Non esulta, mentre il Brianteo esplode nell’esultanza più sfrenata.

Immagine

Condividere.
© 2024 Mahalsa Italia. Tutti i diritti riservati.