Storie Web martedì, Febbraio 27
Notiziario

Nei ristoranti Eataly, di Torino, Milano, Roma, Genova e Trieste arrivano i ravioli al granchio blu. Li si potrà degustare al tavolo, ma anche portarli via in vaschetta per cucinarli comodamente a casa, previa corso su come preparare il crostaceo organizzato dalla stessa Eataly. Il gruppo, che ha annunciato la novità con un post su Facebook, intende così dare il suo contributo per trovare un impiego al killer delle vongole, che soltanto quest’estate ne ha falcidiate fino al 70%.

Secondo un sondaggio di Fedagripesca Confcooperative, otto italiani su dieci sono spinti ad assaggiare piatti a base di granchio blu per moda o curiosità. In Italia manca ancora una cultura gastronomica legata a questo prodotto, che invece negli Stati Uniti viene venduto a 100 euro al chilo. Eppure, nonostante le potenzialità, i pescatori restano critici rispetto ad iniziative come quelle di Eataly: «Non saranno purtroppo i ravioli a salvare le nostre vongole dal granchio blu – sostiene Paolo Tiozzo, vicepresidente di Fedagripesca – iniziative come queste sono ininfluenti nella battaglia per debellare questa specie aliena. Per uscire dal guado occorre, invece, una pesca intensiva dei granchi con strumenti mirati e il supporto della ricerca scientifica per creare degli argini a questo invasore».

I pescatori sono costretti a buttare via il 90% dei granchi blu pescati, dai quali guadagnano al massimo 1,50 al chilo, perché la maggior parte degli esemplari sono troppo piccoli e non sono richiesti dal mercato gastronomico. Per mantenere alta l’attenzione su quello che resta un vero e proprio flagello per gli allevatori di cozze e vongole, i pescatori di Goro, Porto Tolle e Comacchio lo scorso Natale hanno fatto realizzare delle cartoline di auguri al tema granchio blu, da affrancare e spedire alla premier Giorgia Meloni.

Condividere.
© 2024 Mahalsa Italia. Tutti i diritti riservati.