Storie Web martedì, Febbraio 27
Notiziario

Brutta avventura per una coppia padovana sopra a Cortina d’Ampezzo: la donna aveva i piedi ghiacciati e non riusciva più a muoversi. È dovuto intervenire l’elisoccorso che ora i due rischiano di pagare.

Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it

Si è reso necessario l’intervento di un elicottero del Soccorso Alpino per recuperare due giovani padovani che si erano avventurati nella neve sopra a Cortina d’Ampezzo.

La coppia aveva improvvisato un’escursione in quota senza attrezzatura adeguata, in particolare le scarpe: la ragazza camminando nella neve alta con i piedi praticamente ghiacciati, ad un certo punto non è più stata in grado di camminare. Il compagno ha provato a scaldarglieli con il sacco a pelo che avevano portato con loro, ma non è bastato. E alla fine è intervenuto l’elisoccorso.

I due erano partiti dal Passo Tre Croci con l’intenzione di salire al Rifugio Vandelli ma lungo il sentiero. Lungo il percorso la 36enne di Albignasego, che procedeva con scarpe non andate alla neve è stata costretta a fermarsi. Il compagno, un 27enne di Villafranca Padovana, ha poi chiesto aiuto.

Brutale aggressione in pieno giorno a Firenze: anziano picchiato, calci e pugni anche quando è a terra

A 1.775 metri di quota non è stato facile intervenire: una squadra del Soccorso alpino di Cortina d’Ampezzo e della guardia di finanza si è avvicinata con il quad per poi continuare a piedi. Alla fine è dovuto comunque intervenire l’elicottero di Trento (e che ora la coppia rischia di dover pagare): ha issato a bordo i due utilizzando il verricello e li ha poi accompagnati in piazzola al Codivilla.

La coppia è stata quindi ospitata nella sede del Soccorso alpino locale per riscaldarsi.

“In questi giorni le temperature scendono oltre i meno 15 gradi – ammonisce il Soccorso Alpino – e il rischio di assideramento è elevato, senza considerare che in molti luoghi non prende il telefono. Non sempre può intervenire l’elisoccorso e l’avvicinamento delle squadre a piedi richiede lunghe ore sia per arrivare che per un eventuale trasporto a ritroso. Servono, inoltre, attrezzature e calzature adatte per le escursioni, non ci stancheremo mai di raccomandarlo a sufficienza”.

Condividere.
© 2024 Mahalsa Italia. Tutti i diritti riservati.