Storie Web mercoledì, Febbraio 28
Notiziario

Il celebre scrittore messicano José Agustín è morto all’età di 79 anni. Era considerato il pioniere della “Letteratura dell’Onda” negli anni delle contestazioni al governo del 1968 che culminarono nel massacro di Tlatelolco.

Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it

Il celebre scrittore messicano José Agustín è morto all’età di 79 anni. Era considerato il pioniere della “Letteratura dell’Onda“, una corrente che lui stesso ha fondato e che ha esercitato un’influenza notevole sulla scena artistica e culturale del Messico. Nonostante questo, lo scrittore ha sempre rifiutato la partenità e la stessa esistenza di questa corrente. La sua opera più celebre è anche la sua opera prima, “La tomba”, pubblicato poco prima che compisse 20 anni. Era un periodo di grande depressione in Messico, erano gli anni del Massacro del Tlatelolco, quando nel 1968 l’esercito messicano uccise numerosi giovani in protesta contro l’autoritarismo del governo di quel tempo. Erano quelli gli anni più frenetici della controcultura messicana degli anni ’60. 

Lo scrittore messicano Luis Villoro conferma che con l’apparizione di José Agustín sulla scena letteraria si verificò “il raro miracolo di farci sentire che la letteratura ci includeva”. Agustín è stato anche l’autore di ‘Città Proibite’, diventato nel 2016 il popolare film ‘Mi stai ammazzando, Susana’, diretto da Roberto Sneider e interpretato da Gael García Bernal. Andrés Manuel López Obrador, presidente degli Stati Uniti del Messico, si è rammaricato per la morte del “grande scrittore” ed ha affermato che “i suoi libri sono obbligatori per capire come” ha funzionato il vecchio “regime autoritario nel nostro Paese e la corruzione nel nostro passato più recente”. 

Condividere.
© 2024 Mahalsa Italia. Tutti i diritti riservati.