Storie Web martedì, Febbraio 27
Notiziario

È morto Alberto Mandolesi, storica voce delle partite della Roma. Aveva 77 anni. In carriera ha commentato circa duemila partite del club giallorosso come radiocronista. Lutto nel mondo del giornalismo sportivo.

Nelle ultime ore infatti si era sparsa la voce dei suoi problemi di salute e ieri, in occasione della partita tra Roma e Inter, un settore dello stadio Olimpico gli ha dedicato uno striscione: “Forza Alberto raccontaci un altro gol”. 

Immagine

Mandolesi è stato volto delle tv e voce delle radio capitoline: tanti tifosi hanno seguito le imprese della Magica negli anni ‘8 ai tempi di Liedholm grazie al suo racconto, come la cavalcata giallorossa in Coppa dei Campioni nel 1983-84 che si  interruppe soltanto in finale per mano del Liverpool.

De Rossi carica la Roma per la sfida contro l’Inter: “Troppo rispetto si trasforma in paura”

Alberto Mandolesi è stato per anni anche volto di “Goal di Notte”, condotto da Michele Plastino, di cui era una sorta di alter ego romanista per militanza e tifo. Negli ultimi anni aveva lavorato in radio per “Centro Suono Sport”.

Fu uno dei primi a intuire il talento di Francesco Totti e quando il 16enne Pupone esordì in Serie A a Brescia, il 28 marzo 1993, il giornalista romano nella radiocronaca disse: “E poi c’è un fatto storico. E’ uscito Rizzitelli, ha lasciato il posto ad un giovane Francesco Totti”.

Impresse nell’immaginario di tantissimi tifosi romanisti sono alcune sue radiocronache come quella nella finale di Coppa Italia tra Roma e Sampdoria, dove visibilmente commosso raccontava il gol all’ultimo minuto di Tonino Cerezo o quella contro il Milan firmate da Muzzi e Caniggia, sempre nel ‘torneo della Coccarda’.

Condividere.
© 2024 Mahalsa Italia. Tutti i diritti riservati.