Storie Web mercoledì, Febbraio 28
Notiziario

L’audizione di Giorgia Meloni davanti al giurì d’onore della Camera è durata oltre un’ora: a questo punto tocca alla commissione speciale tirare le conclusioni di quanto raccolto sul caso Mes sollevato da Giuseppe Conte.

Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it

Conte contro Meloni, ultimo atto. Almeno per ora. Il giurì d’onore chiude la fase delle audizioni, dopo aver ascoltato prima il leader del Movimento 5 Stelle e poi la presidente del Consiglio. Ora tocca alla commissione speciale, istituita alla Camera dei deputati su richiesta del presidente grillino, scrivere una relazione conclusiva, che verrà trasmessa all’Aula entro il 9 febbraio. Meno di tre settimane di tempo per decidere chi ha ragione, chi ha torto e soprattutto se – come sostiene Conte – le parole di Meloni sul Mes lo hanno offeso e leso l’onore dell’ex premier. L’audizione di Meloni si è tenuta oggi a mezzogiorno nella sala della biblioteca del presidente a Montecitorio ed è durata poco più di un’ora. Ieri è toccato al leader pentastellato.

La relazione sarà redatta entro il 9 febbraio, ha confermato il presidente Giorgio Mulè. “Non sono emerse circostanze tali che finora hanno spinto i commissari a chiedere una nuova audizione – ha spiegato – Adesso leggeremo il resoconto integrale. Entrambi hanno detto la loro posizione. I commissari non hanno sollevato esigenze di nuove audizioni“. Il prossimo passaggio è “quello di studiare, approfondire, mettere a confronto le dichiarazioni del presidente Conte e della presidente Meloni, e poi formarsi un’idea sugli atti parlamentari e tutto ciò che abbiamo a disposizione della commissione – ha continuato Mulè – Successivamente redigeremo la nostra relazione da presentare entro il 9 febbraio. La relazione secondo l’articolo 58 non è soggetta né a discussione né a votazione: viene letta in Aula e l’Aula ne prende atto“.

Meloni, insomma, ha riportato la sua versione dei fatti, ma non è uscito nulla delle sue dichiarazioni. “La terzietà e l’imparzialità dei componenti della commissione, per la responsabilità alla quale sono stati chiamati, rappresenta la condizione primaria per svolgere correttamente il lavoro – ha spiegato ancora Mulè – Da questo punto di vista non ho dubbi che l’analisi di ognuno dei commissari sarà uniformata unicamente a una serena e indipendente valutazione dei fatti“. E ha avvisato: “Dal punto di vista procedurale, è come se da questo momento il giurì entrasse in una camera di consiglio prolungata, non esce neanche un respiro, fino a quando non verrà letta la relazione in aula“.

Conte contro Meloni per le frasi sul Mes, nominato il giurì d’onore: entro il 9 febbraio il responso

La relazione non avrà effetti sanzionatori, come ricordato ancora dal vicepresidente della Camera: “Tecnicamente non è una sentenza, il giurì è chiamato a dichiarare la fondatezza o meno di alcune espressioni che sono state utilizzate dalla presidente Meloni e che il presidente Conte ritiene essere false e non veritiere false – ha ribadito Mulè – Il giurì giudica se è fondato o non è fondato quanto detto in Aula“.

Condividere.
© 2024 Mahalsa Italia. Tutti i diritti riservati.