Storie Web venerdì, Febbraio 23
Notiziario

Dal Sigep di Rimini (il salone dedicato al settore) è iniziata la fase finale dell’iter per l’approvazione del disegno di legge che istituisce la figura di ‘Maestro dell’arte della cucina italiana’, che il ministro dell’Agricoltura Francesco Lollobrigida ha voluto dedicare a Iginio Massari, maestro pasticcere.

Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it

Una legge dedicata al famoso pasticcere Iginio Massari, fortemente voluta dal ministro dell’Agricoltura Lollobrigida. È partita dieri dal Sigep (45° Salone Internazionale della Gelateria, Pasticceria, Panificazione Artigianale e Caffè) di Rimini la fase finale dell’iter per l’approvazione del disegno di legge che istituisce la figura di ‘Maestro dell’arte della cucina italiana’, che il ministro dell’agricoltura Francesco Lollobrigida ha ribattezzato appunto ‘legge Massari’, in onore del maestro pasticcere, che con lui ha partecipato a un’iniziativa di Ismea per la promozione della frutta a guscio.

Il disegno di legge che ha dunque lo scopo di sostenere e di promuovere l’eccellenza dell’arte culinaria italiana attraverso l’istituzione di un premio al merito ad hoc, denominato “Maestro dell’arte della cucina italiana”. Il ministro ha annunciato che della commissione di valutazione farà parte il Maestro Massari, insieme ad altri autorevoli professionisti che daranno un titolo, e chi lo otterrà avrà anche la possibilità di insegnare.

Il provvedimento riconoscerà i mestieri di pasticcere, chef e artigiano del cibo al pari di quanto avviene già in altri Paesi. Lo stesso titolo viene conferito, ad esempio in Francia ai grandi maestri della cucina. “La chiamiamo “Legge Massari” proprio per riconoscerne a pieno titolo la paternità al Maestro – ha sottolineato il Ministro Lollobrigida – offriamo a Iginio Massari la guida della commissione che sarà incaricata di giudicare tecnicamente la qualità dei Maestri meritevoli del riconoscimento di ‘Maestro dell’Arte della Cucina Italiana’. A lui va il nostro ringraziamento per l’azione propulsiva e promozionale del cibo italiano nel mondo, di cui è un Ambasciatore senza pari. Proprio un anno fa avevamo preso un impegno con il maestro Massari qui al Sigep di portare in Parlamento una norma che riconoscesse al Governo italiano la possibilità di dare un attestato ai nostri Maestri di cucina che fosse italiano, progetto ispirato proprio da Massari”.

Cosa rischiano ora gli attivisti climatici che imbrattano i monumenti con le norme del governo Meloni

Il disegno di legge è approdato nei giorni scorsi alla Camera, e il ministro Lollobrigida ha spiegato che non comporterà alcun esborso rilevante da parte dello Stato, perché costerà in tutto 2mila euro l’anno per il conio delle medaglie, ma avrà “un grande valore economico”.

Condividere.
© 2024 Mahalsa Italia. Tutti i diritti riservati.