Storie Web domenica, Aprile 21
Notiziario

Sono stati annunciati i Bafta Awards 2024, tra i premi cinematografici più importanti al mondo la cui cerimonia di premiazione si tiene nella prestigiosa location del Royal Albert Hall, e che come di consueto precedono l’arrivo degli Oscar.

L’elenco dei film vincitori

I Baft 2024 hanno visto trionfare numerose produzioni e film originali. Ecco la lista di tutti i vincitori (in grassetto) nelle rispettive categorie tra tutte le nomination.

Miglior film

Golden Globes 2024: Io Capitano candidato. Tutte le nomination di film, serie, attori e attrici

  • Anatomia di una caduta (Anatomie d’une chute), regia di Justine Triet
  • The Holdovers – Lezioni di vita (The Holdovers), regia di Alexander Payne
  • Killers of the Flower Moon, regia di Martin Scorsese
  • Oppenheimer, regia di Christopher Nolan
  • Povere creature! (Poor Things), regia di Yorgos Lanthimos

Miglior film britannico

  • Estranei (All of Us Strangers), regia di Andrew Haigh
  • How to Have Sex, regia di Molly Manning Walker
  • Napoleon, regia di Ridley Scott
  • The Old Oak, regia di Ken Loach
  • Povere creature! (Poor Things), regia di Yorgos Lanthimos
  • Ritrovarsi in Rye Lane (Rye Lane), regia di Raine Allen-Miller
  • Saltburn, regia di Emerald Fennell
  • Scrapper, regia di Charlotte Regan
  • Wonka, regia di Paul King
  • La zona d’interesse (The Zone of Interest), regia di Jonathan Glazer

Miglior debutto di un regista, sceneggiatore o produttore britannico

  • Lisa Selby (regista), Rebecca Lloyd-Evans (regista, produttrice) e Alex Fry (produttore) – Blue Bag Life
  • Christopher Sharp (regista) – Bobi Wine: The People’s President
  • Savanah Leaf (sceneggiatrice, regista, produttrice), Shirley O’Connor (produttrice) e Medb Riordan (produttrice) – Earth Mama
  • Molly Manning Walker (sceneggiatrice, regista) – How to Have Sex
  • Ella Glendining (regista) – Is There Anybody Out There?

Miglior film in lingua straniera

  • 20 Days in Mariupol, regia di Mstyslav Černov
  • Anatomia di una caduta (Anatomie d’une chute), regia di Justine Triet (Francia)
  • Past Lives, regia di Celine Song (Stati Uniti)
  • La società della neve (La sociedad de la nieve), regia di Juan Antonio Bayona (Spagna)
  • La zona d’interesse (The Zone of Interest), regia di Jonathan Glazer (Regno Unito/Polonia/Stati Uniti)

Miglior documentario

  • 20 Days in Mariupol, regia di Mstyslav Černov
  • American Symphony, regia di Matthew Heineman
  • Beyond Utopia, regia di Madeleine Gavin
  • Still: A Michael J. Fox Movie, regia di Davis Guggenheim
  • Wham!, regia di Chris Smith

Miglior film d’animazione

  • Il ragazzo e l’airone, regia di Hayao Miyazaki
  • Galline in fuga – L’alba dei nugget (Chicken Run: Dawn of the Nugget), regia di Sam Fell
  • Elemental, regia di Peter Sohn
  • Spider-Man: Across the Spider-Verse, regia di Joaquim Dos Santos, Kemp Powers e Justin K. Thompson

Miglior regista

  • Bradley Cooper – Maestro
  • Jonathan Glazer – La zona d’interesse (The Zone of Interest)
  • Andrew Haigh – Estranei (All of Us Strangers)
  • Christopher Nolan – Oppenheimer
  • Alexander Payne – The Holdovers – Lezioni di vita (The Holdovers)
  • Justine Triet – Anatomia di una caduta (Anatomie d’une chute)

Miglior sceneggiatura originale

  • Justine Triet e Arthur Harari – Anatomia di una caduta (Anatomie d’une chute)
  • Greta Gerwig e Noah Baumbach – Barbie
  • David Hemingson – The Holdovers – Lezioni di vita (The Holdovers)
  • Bradley Cooper e Josh Singer – Maestro
  • Celine Song – Past Lives

Miglior sceneggiatura non originale

  • Andrew Haigh – Estranei (All of Us Strangers)
  • Cord Jefferson – American Fiction
  • Christopher Nolan – Oppenheimer
  • Tony McNamara – Povere creature! (Poor Things)
  • Jonathan Glazer – La zona d’interesse (The Zone of Interest)
Immagine

Miglior attrice protagonista

  • Fantasia Barrino – Il colore viola (The Color Purple)
  • Sandra Hüller – Anatomia di una caduta (Anatomie d’une chute)
  • Carey Mulligan – Maestro
  • Vivian Oparah – Ritrovarsi in Rye Lane (Rye Lane)
  • Margot Robbie – Barbie
  • Emma Stone – Povere creature! (Poor Things)

Miglior attore protagonista

  • Bradley Cooper – Maestro
  • Colman Domingo – Rustin
  • Paul Giamatti – The Holdovers – Lezioni di vita (The Holdovers)
  • Barry Keoghan – Saltburn
  • Cillian Murphy – Oppenheimer
  • Teo Yoo – Past Lives

Miglior attrice non protagonista

  • Emily Blunt – Oppenheimer
  • Danielle Brooks – Il colore viola (The Color Purple)
  • Claire Foy – Estranei (All of Us Strangers)
  • Sandra Hüller – La zona d’interesse (The Zone of Interest)
  • Rosamund Pike – Saltburn
  • Da’Vine Joy Randolph – The Holdovers – Lezioni di vita (The Holdovers)

Miglior attore non protagonista

  • Robert De Niro – Killers of the Flower Moon
  • Robert Downey Jr. – Oppenheimer
  • Jacob Elordi – Saltburn
  • Ryan Gosling – Barbie
  • Paul Mescal – Estranei (All of Us Strangers)
  • Dominic Sessa – The Holdovers – Lezioni di vita (The Holdovers)

Miglior colonna sonora

  • Robbie Robertson (postumo) – Killers of the Flower Moon
  • Ludwig Göransson – Oppenheimer
  • Jerskin Fendrix – Povere creature! (Poor Things)
  • Anthony Willis – Saltburn
  • Daniel Pemberton – Spider-Man: Across the Spider-Verse

Miglior casting

  • Kahleen Crawford – Estranei (All of Us Strangers)
  • Cynthia Arra – Anatomia di una caduta (Anatomie d’une chute)
  • Susan Shopmaker – The Holdovers – Lezioni di vita (The Holdovers)
  • Isabella Odoffin – How to Have Sex
  • Ellen Lewis e Rene Haynes – Killers of the Flower Moon

Miglior fotografia

  • Rodrigo Prieto – Killers of the Flower Moon
  • Matthew Libatique – Maestro
  • Hoyte van Hoytema – Oppenheimer
  • Robbie Ryan – Povere creature! (Poor Things)
  • Łukasz Żal – La zona d’interesse (The Zone of Interest)

Miglior montaggio

  • Laurent Sénéchal – Anatomia di una caduta (Anatomie d’une chute)
  • Thelma Schoonmaker – Killers of the Flower Moon
  • Jennifer Lame – Oppenheimer
  • Yorgos Mavropsaridis – Povere creature! (Poor Things)
  • Paul Watts – La zona d’interesse (The Zone of Interest)

Miglior scenografia

  • Sarah Greenwood e Katie Spencer – Barbie
  • Jack Fisk e Adam Willis – Killers of the Flower Moon
  • Ruth De Jong e Claire Kaufman – Oppenheimer
  • Shona Heath, James Price e Zsuzsa Mihalek – Povere creature! (Poor Things)
  • Chris Oddy, Joanna Maria Kuś e Katarzyna Sikora – La zona d’interesse (The Zone of Interest)

Migliori costumi

  • Jacqueline Durran – Barbie
  • Jacqueline West – Killers of the Flower Moon
  • David Crossman e Janty Yates – Napoleon
  • Ellen Mirojnick – Oppenheimer
  • Holly Waddington – Povere creature! (Poor Things)

Miglior trucco e acconciatura

  • Kay Georgiou e Thomas Nellen – Killers of the Flower Moon
  • Siân Grigg, Kay Georgiou, Kazu Hiro e Lori McCoy-Bell – Maestro
  • Jana Carboni, Francesco Pegoretti, Satinder Chumber e Julia Vernon – Napoleon
  • Luisa Abel, Jaime Leigh McIntosh, Jason Hamer e Ahou Mofid – Oppenheimer
  • Nadia Stacey, Mark Coulier e Josh Weston – Povere creature! (Poor Things)

Miglior sonoro

  • Angelo Bonanni, Tony Lamberti, Andy Nelson, Lee Orloff e Bernard Weiser – Ferrari
  • Richard King, Steve Morrow, Tom Ozanich, Jason Ruder e Dean Zupancic – Maestro
  • Chris Burdon, James H. Mather, Chris Munro e Mark Taylor – Mission: Impossible – Dead Reckoning – Parte uno (Mission: Impossible – Dead Reckoning – Part One)
  • Willie Burton, Richard King, Kevin O’Connell e Gary A. Rizzo – Oppenheimer
  • Johnnie Burn e Tarn Willers – La zona d’interesse (The Zone of Interest)

Miglior effetti speciali

  • Jonathan Bullock, Charmaine Chan, Ian Comley e Jay Cooper – The Creator
  • Theo Bialek, Stephane Ceretti, Alexis Wajsbrot e Guy Williams – Guardiani della Galassia Vol. 3 (Guardians of the Galaxy Vol. 3)
  • Neil Corbould, Simone Coco, Jeff Sutherland e Alex Wuttke – Mission: Impossible – Dead Reckoning – Parte uno (Mission: Impossible – Dead Reckoning – Part One)
  • Henry Badgett, Neil Corbould, Charley Henley e Luc-Ewen Martin-Fenouillet – Napoleon
  • Simon Hughes – Povere creature! (Poor Things)

Miglior cortometraggio animato britannico

  • Crab Day, regia di Ross Stringer
  • Visible Mending, regia di Samantha Moore
  • Wild Summon, regia di Karni Arieli e Saul Freed
  • Miglior cortometraggio britannico
  • Festival of Slaps, regia di Abdou Cissé
  • Gorka, regia di Joe Weiland
  • Jellyfish and Lobster, regia di Yasmin Afifi
  • Such a Lovely Day, regia di Simon Woods
  • Yellow, regia di Elham Ehsas

Miglior stella emergente

  • Phoebe Dynevor
  • Ayo Edebiri
  • Jacob Elordi
  • Mia McKenna-Bruce
  • Sophie Wilde

Condividere.
© 2024 Mahalsa Italia. Tutti i diritti riservati.