Storie Web martedì, Febbraio 27
Notiziario

Massimiliano Allegri dopo Juventus-Sassuolo 3-0 è stato stuzzicato anche sulla corsa Scudetto, e sull’entusiasmante duello con l’Inter. Ai microfoni di DAZN all’allenatore bianconero sono state ricordate le parole dell’Ad nerazzurro Marotta, che aveva utilizzato la metafora della lepre e del cacciatore. Allegri ha invece fatto ricorso ad un altro paragone.

Al tecnico della Juventus, soddisfatto per la prestazione e l’atteggiamento sfoderato contro il Sassuolo, non piace la caccia. Per questo non ha gradito particolarmente il ruolo di “cacciatore” affidatogli simpaticamente dal dirigente dell’Inter: “Il ruolo di cacciatore? Non sono amante della caccia. La lepre davanti? Se c’è qualcuno davanti, dietro c’è qualcuno che insegue“. A proposito del duello Juve-Inter, invece Allegri lo ha acceso così: “È come il gioco di guardie e ladri, è uguale. I ladri scappano e le guardie rincorrono“.

Non parla esplicitamente di scudetto perché Allegri ancora una volta dimostra di vivere alla giornata e di essere preoccupato più del vantaggio sul quinto posto che sul distacco dalla capolista della Serie A: “Dobbiamo restare sereni, andiamo a Lecce su un campo difficile e sarà importante prendere tre punti perché oggi abbiamo messo la quinta a 16 punti. A 18 partite dalla fine sono 5 partite”.

Perché Djaló ha preferito la Juventus all’Inter: c’è un dettaglio che gli ha fatto cambiare idea

E sulla prospettiva di arrivare davanti in classifica prima del confronto diretto con l’Inter del 4 febbraio: “Avanti nel derby d’Italia? Pensiamo partita dopo partita. Vincere a Lecce è sempre difficile, un passettino alla volta“.

Quello che è certo è che comunque Allegri è entusiasta per i progressi della Juventus, pur ribadendo il suo proverbiale pragmatismo: “Mi sono divertito? Non è questione di divertimento, bisogna vincere delle partite. Nel calcio conta solo quello, il resto non conta. Non era una partita semplice perché è una squadra che aveva vinto con la Fiorentina e ci aveva fatto quattro gol all’andata. E anche stasera nel momento in cui la partita sembrava indirizzata ha trovato delle soluzioni con giocatori bravi come Laurientè e Berardi, ha fatto due belle parate Szczesny. Siamo contenti ma bisogna pensare alla partite di domenica a Lecce perché abbiamo 49 punti e bisogna continuare a lavorare e migliorare, e stare in silenzio”.

(in aggiornamento)

Condividere.
© 2024 Mahalsa Italia. Tutti i diritti riservati.