Storie Web giovedì, Febbraio 29
Notiziario

“Un buon inizio che potrà ulteriormente migliorare in questo ‘anno pilota’”: così Adolfo Urso, ministro per le Imprese e il Made in Italy, ha commentato i dati sulle iscrizioni al liceo del Made in Italy per il prossimo anno scolastico.

Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it

Al nuovo liceo del Made in Italy, istituito dal governo di Giorgia Meloni, si sono iscritti solo in 375, tra studenti e studentesse. È quanto emerge dai dati sulle iscrizioni per il nuovo anno scolastico, avvenute online attraverso al piattaforma unica del ministero dell’Istruzione e concluse il 10 febbraio. “Un buon inizio per il liceo del Made che potrà ulteriormente migliorare in questo ‘anno pilota’“, ha commentato il ministro per le Imprese e il Made in Italy, Adolfo Urso.

Si tratta di un percorso scolastico innovativo e strettamente orientato al mondo produttivo, istituito con il ddl Made in Italy approvato dal Parlamento a fine dicembre. Questo nuovo approccio, che integra discipline umanistiche e materie STEM, si propone di valorizzare le eccellenze italiane, promuovendo la crescita sostenibile e il talento italiano, oltre a facilitare l’inserimento degli studenti nel mondo del lavoro creando un ponte tra istruzione e imprese“, ha concluso Urso.

In totale, i licei a indirizzo Made in Italy attivati per l’anno scolastico 2024/25 sono 92: 17 si trovano in Sicilia, 2 in Lombardia e nel Lazio, 9 in Puglia, 8 nelle Marche e in Calabria, 6 in Abruzzo, 5 in Toscana, 3 in Liguria, Piemonte e Veneto, 2 in Molise e 1 in Basilicata, Emilia-Romagna, Sardegna e Umbria. Ci sono poi 22 scuole per cui la Regione Campania non ha ancora autorizzato l’avvio del nuovo indirizzo.

Autonomia, la Lega risponde alle opposizioni: “Prevista dalla Costituzione, divari si ridurranno”

Nel frattempo il ministro per l’Istruzione e per il Merito, Giuseppe Valditara, ha annunciato di essere al lavoro a una norma per bocciare chi occupa le scuole e fa danni: ““Stiamo studiando una norma per far sì che chi occupa, se non dimostra di non essere coinvolto nei fatti, risponda civilmente dei danni che sono stati cagionati. È una presunzione che solo dimostrando di essere del tutto estraneo uno può vincere. Chi occupa, chi compie un atto illecito, deve rispondere dei danni. Questa è una mia riflessione personale: credo che studenti di questo tipo non possano essere promossi all’anno successivo“, ha detto il ministro, in visita al liceo Severi Correnti di Milano dopo che un’occupazione si è conclusa con circa 70mila euro di danni.

Valditara ha poi concluso: “Sarà l’autonomia delle singole scuole a decidere, ma se non si dà un segnale forte da un punto di vista disciplinare vuol dire che la scuola non risponde in modo serio. Chi fa questi atti di devastazione non ha, a mio avviso, capito il messaggio educativo della scuola“.

Condividere.
© 2024 Mahalsa Italia. Tutti i diritti riservati.